Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

giovedì, Dicembre 3, 2020

ASSEGNATI I PRIMI CONTRATTI PER LA COSTRUZIONE DEL GASDOTTO BALTIC PIPE

Must read

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

Entra nel vivo la fase di sviluppo del nuovo gasdotto Baltic Pipe, che trasporterà in Danimarca e Polonia il gas estratto dai giacimenti offshore norvegesi, con l’affidamento dei primi contratti.

La condotta, il cui progetto – del valore di 1,6 miliardi di euro – è promosso dall’operatore della rete danese del gas Energinet e dal suo omologo polacco GAZ-System (tramite la joint-venture Baltic Pipe Project), dovrebbe diventare operativa nell’ottobre 2022, e avrà una capacità di 10 miliardi di metri cubi all’anno. Potrà trasportare gas in entrambe le direzioni, attraversando il Mar Baltico e un tratto di territorio terrestre danese.

La sua funzione sarà ovviamente quella di ridurre la dipendenza dei Paesi coinvolti, e soprattutto della Polonia, dagli approvvigionamento di gas russo, rendendo facilmente disponibile prodotto proveniente da un’altra fonte. Obbiettivo particolarmente caro soprattutto a Varsavia, che è legata a Gazprom da un contratto di fornitura di lungo periodo che scade proprio nel 2022, e che teme di essere poi tagliata fuori da Mosca quando entrerà in funzione il Nord Stream 2, che consentirà al gas russo di raggiungere la Germania e il resto dell’Europa settentrionale bypassando appunto la Polonia.

Proprio in questi giorni, Energinet ha infatti assegnato all’operatore olandese A.Hak International l’incarico per la costruzione del tratto onshore danese del Baltic Pipe: 70 km di condotta che collegheranno la città di Kongsmark, nel nord ovest della regione dello Zealand, fino alla nuova stazione di compressione di Energinet vicino Everdrup, nel sud est della stessa regione.

Contestualmente, la polacca Gaz-System, l’altro partner del progetto di sviluppo delle nuova infrastruttura energetica, ha incaricato il produttore tedesco Europipe di fornire i tubi per la sezione offshore di competenza polacca del gasdotto.

“L’implementazione della Baltic Pipe consentirà di aumentare l’import polacco di gas proveniente dai giacimenti offshore della Norvegia fino a 10 miliardi di metri cubi all’anno a partire dall’ottobre 2022” ha dichiarato il ministro dell’energia della Polonia, Piotr Naimski, commentando alle agenzie internazionali questa notizia.

“Il contratto firmato oggi da Gaz-System per la fornitura dei tubi è un elemento importante di questo progetto” ha aggiunto il ministro, assicurando che “la Polonia è perfettamente in linea col programma di questo progetto, “che non può in alcun modo essere messo in discussione”.

Latest article

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...