Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

sabato, Dicembre 5, 2020

SAIPEM RIESCE A ‘SCHIVARE’ LE SANZIONI USA SUL NORD STREAM 2

Must read

In funzione il tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, diramazione del Power of Siberia che arriverà fino a Shanghai

E’ stato immesso il ‘first gas’ nel tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, nuovo gasdotto in fase di costruzione che, alimentandosi dal Power of...

Enbridge Energy ottiene il via libera dallo stato del Minnesota per l’upgrade dell’oleodotto Line 3

Le competenti autorità dello stato americano del Minnesota, e in particolare la Minnesota Pollution Control Agency, nei giorni scorsi hanno dato il loro ‘via...

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

Saipem dovrebbe riuscire a ‘schivare’ le sanzioni americane appena entrate in vigore nei confronti dei soggetti coinvolti nella costruzione del nuovo gasdotto Nord Stream 2 di Gazprom.

Secondo quanto riportato dalla Reuters, infatti, il contractor italiano ha concluso i lavori relativi alla propria commessa, che riguardavano attività sull’ultimo tratto delle pipeline che dalla Russia attraversa il Mar Baltico e approda a terra a Greiswald in Germania. Per questo, secondo una fonte industriale vicina al progetto interpellata dalla Reuters, Saipem dovrebbe essere fuori pericolo in quanto “eventuali sanzioni extraterritoriali o secondarie che gli Usa potrebbero imporre ai Paesi e alle aziende che hanno lavorato al progetto” non “potranno essere retroattive”.

Il fatto di aver già portato a termine l’incarico, del valore complessivo di 370 milioni di dollari, e quindi di portata tutto sommato marginale rispetto alla dimensione complessiva dell’opera, metterebbe quindi al riparo Saipem dal rischio di incorrere nelle sanzioni volute da Washington contro il nuovo gasdotto, visto come il fumo negli occhi non solo dall’amministrazione Trump, ma anche da una serie di Paesi europei a partire dalla Polonia e dall’Ucraina, attraverso le cui reti nazionali transita al momento buona parte del gas russo diretto in Europa, e che con l’entrata in funzione del Nord Stream 2 (che collega direttamente Russia e Germania, quest’ultima infatti principale sostenitore europeo dell’infrastruttura) temono di essere tagliate dal grosso del traffico.

Il rischio, però, potrebbe non essere scongiurato del tutto per Saipem: nei giorni scorsi, infatti, l’ambasciatore Usa in Germania, Richard Grenell, parlando in un’intervista al quotidiano tedesco Handesblatt, ha detto che “le società coinvolte nella realizzazione del gasdotto sono sempre in pericolo perché le sanzioni sono sempre possibili”.

Latest article

In funzione il tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, diramazione del Power of Siberia che arriverà fino a Shanghai

E’ stato immesso il ‘first gas’ nel tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, nuovo gasdotto in fase di costruzione che, alimentandosi dal Power of...

Enbridge Energy ottiene il via libera dallo stato del Minnesota per l’upgrade dell’oleodotto Line 3

Le competenti autorità dello stato americano del Minnesota, e in particolare la Minnesota Pollution Control Agency, nei giorni scorsi hanno dato il loro ‘via...

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...