• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

sabato, Luglio 24, 2021

SAIPEM RIESCE A ‘SCHIVARE’ LE SANZIONI USA SUL NORD STREAM 2

Must read

Biden rivela un vecchio attacco informatico cinese alla propria rete di gasdotti

Il presidente Joe Biden e alti funzionari degli Stati Uniti si riuniranno con le principali compagnie del settore privato il prossimo 25 agosto per...

L’espansione dell’oleodotto Trans Mountain ottiene l’approvazione dall’ente regolatore

Il progetto di espansione dell'oleodotto canadese Trans Mountain ha ricevuto l'approvazione dal Canada Energy Regulator. Il nuovo tracciato allontana così il gasdotto da una falda...

Italgas – il trasporto dei gas del futuro per sostenere la transizione energetica

Italgas Reti, primo operatore in Italia e terzo in Europa con 8.000 chilometri di rete gestite, metterà a disposizione il proprio know-how per sostenere...

WBI Energy inizia la costruzione del gasdotto ND Natural

La compagnia WBI Energy, ha iniziato la costruzione del progetto di espansione North Bakken nel Nord Dakota. Questa espansione del gasdotto avrà la capacità...

Saipem dovrebbe riuscire a ‘schivare’ le sanzioni americane appena entrate in vigore nei confronti dei soggetti coinvolti nella costruzione del nuovo gasdotto Nord Stream 2 di Gazprom.

Secondo quanto riportato dalla Reuters, infatti, il contractor italiano ha concluso i lavori relativi alla propria commessa, che riguardavano attività sull’ultimo tratto delle pipeline che dalla Russia attraversa il Mar Baltico e approda a terra a Greiswald in Germania. Per questo, secondo una fonte industriale vicina al progetto interpellata dalla Reuters, Saipem dovrebbe essere fuori pericolo in quanto “eventuali sanzioni extraterritoriali o secondarie che gli Usa potrebbero imporre ai Paesi e alle aziende che hanno lavorato al progetto” non “potranno essere retroattive”.

Il fatto di aver già portato a termine l’incarico, del valore complessivo di 370 milioni di dollari, e quindi di portata tutto sommato marginale rispetto alla dimensione complessiva dell’opera, metterebbe quindi al riparo Saipem dal rischio di incorrere nelle sanzioni volute da Washington contro il nuovo gasdotto, visto come il fumo negli occhi non solo dall’amministrazione Trump, ma anche da una serie di Paesi europei a partire dalla Polonia e dall’Ucraina, attraverso le cui reti nazionali transita al momento buona parte del gas russo diretto in Europa, e che con l’entrata in funzione del Nord Stream 2 (che collega direttamente Russia e Germania, quest’ultima infatti principale sostenitore europeo dell’infrastruttura) temono di essere tagliate dal grosso del traffico.

Il rischio, però, potrebbe non essere scongiurato del tutto per Saipem: nei giorni scorsi, infatti, l’ambasciatore Usa in Germania, Richard Grenell, parlando in un’intervista al quotidiano tedesco Handesblatt, ha detto che “le società coinvolte nella realizzazione del gasdotto sono sempre in pericolo perché le sanzioni sono sempre possibili”.

Latest article

Biden rivela un vecchio attacco informatico cinese alla propria rete di gasdotti

Il presidente Joe Biden e alti funzionari degli Stati Uniti si riuniranno con le principali compagnie del settore privato il prossimo 25 agosto per...

L’espansione dell’oleodotto Trans Mountain ottiene l’approvazione dall’ente regolatore

Il progetto di espansione dell'oleodotto canadese Trans Mountain ha ricevuto l'approvazione dal Canada Energy Regulator. Il nuovo tracciato allontana così il gasdotto da una falda...

Italgas – il trasporto dei gas del futuro per sostenere la transizione energetica

Italgas Reti, primo operatore in Italia e terzo in Europa con 8.000 chilometri di rete gestite, metterà a disposizione il proprio know-how per sostenere...

WBI Energy inizia la costruzione del gasdotto ND Natural

La compagnia WBI Energy, ha iniziato la costruzione del progetto di espansione North Bakken nel Nord Dakota. Questa espansione del gasdotto avrà la capacità...

Gli Stati Uniti annunciano nuovi requisiti di sicurezza informatica ai proprietari di gasdotti

Il Dipartimento della Sicurezza statunitense ha richiesto ai proprietari e operatori di trasporto di gas e petrolio, di introdurre misure di protezioni urgenti contro...