• Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

venerdì, Marzo 5, 2021

SAIPEM RIESCE A ‘SCHIVARE’ LE SANZIONI USA SUL NORD STREAM 2

Must read

Confermata a Italgas la gestione del servizio di distribuzione del gas nell’Ambito Territoriale Torino 1

E’ stata Italgas ad aggiudicarsi la gara, indetta dal Comune di Tornino, relativa al servizio di distribuzione del gas naturale, per i prossimi 12...

A partire dal prossimo anno la Lituania fornirà gas alla Polonia attraverso una nuova pipeline

La compagnia energetica statale lituana Ignitis Group inizierà a fornire gas alla Polonia, attraverso una nuova pipeline dedicata che entrerà in funzione il prossimo...

Scorte di gas europee ai minimi: la corsa a ricostituirle durante l’estate spingerà al rialzo il prezzo del metano

L’Europa si avvia a concludere la stagione invernale, che si chiude convenzionalmente alla fine di marzo, con riserve di gas ridotte ai minimi storici....

Total pronta a costruire un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari tra Uganda e Tanzania

Il Governo dell’Uganda ha annunciato che i lavori di costruzione di un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari che raggiungerà il vicino Stato...

Saipem dovrebbe riuscire a ‘schivare’ le sanzioni americane appena entrate in vigore nei confronti dei soggetti coinvolti nella costruzione del nuovo gasdotto Nord Stream 2 di Gazprom.

Secondo quanto riportato dalla Reuters, infatti, il contractor italiano ha concluso i lavori relativi alla propria commessa, che riguardavano attività sull’ultimo tratto delle pipeline che dalla Russia attraversa il Mar Baltico e approda a terra a Greiswald in Germania. Per questo, secondo una fonte industriale vicina al progetto interpellata dalla Reuters, Saipem dovrebbe essere fuori pericolo in quanto “eventuali sanzioni extraterritoriali o secondarie che gli Usa potrebbero imporre ai Paesi e alle aziende che hanno lavorato al progetto” non “potranno essere retroattive”.

Il fatto di aver già portato a termine l’incarico, del valore complessivo di 370 milioni di dollari, e quindi di portata tutto sommato marginale rispetto alla dimensione complessiva dell’opera, metterebbe quindi al riparo Saipem dal rischio di incorrere nelle sanzioni volute da Washington contro il nuovo gasdotto, visto come il fumo negli occhi non solo dall’amministrazione Trump, ma anche da una serie di Paesi europei a partire dalla Polonia e dall’Ucraina, attraverso le cui reti nazionali transita al momento buona parte del gas russo diretto in Europa, e che con l’entrata in funzione del Nord Stream 2 (che collega direttamente Russia e Germania, quest’ultima infatti principale sostenitore europeo dell’infrastruttura) temono di essere tagliate dal grosso del traffico.

Il rischio, però, potrebbe non essere scongiurato del tutto per Saipem: nei giorni scorsi, infatti, l’ambasciatore Usa in Germania, Richard Grenell, parlando in un’intervista al quotidiano tedesco Handesblatt, ha detto che “le società coinvolte nella realizzazione del gasdotto sono sempre in pericolo perché le sanzioni sono sempre possibili”.

Latest article

Confermata a Italgas la gestione del servizio di distribuzione del gas nell’Ambito Territoriale Torino 1

E’ stata Italgas ad aggiudicarsi la gara, indetta dal Comune di Tornino, relativa al servizio di distribuzione del gas naturale, per i prossimi 12...

A partire dal prossimo anno la Lituania fornirà gas alla Polonia attraverso una nuova pipeline

La compagnia energetica statale lituana Ignitis Group inizierà a fornire gas alla Polonia, attraverso una nuova pipeline dedicata che entrerà in funzione il prossimo...

Scorte di gas europee ai minimi: la corsa a ricostituirle durante l’estate spingerà al rialzo il prezzo del metano

L’Europa si avvia a concludere la stagione invernale, che si chiude convenzionalmente alla fine di marzo, con riserve di gas ridotte ai minimi storici....

Total pronta a costruire un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari tra Uganda e Tanzania

Il Governo dell’Uganda ha annunciato che i lavori di costruzione di un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari che raggiungerà il vicino Stato...

Il Qatar investirà 60 milioni di dollari nella realizzazione di una nuova pipeline tra Israele e Gaza

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, il Ministero degli Esteri del Qatar ha annunciato ufficialmente l’intenzione di investire 60 milioni di dollari nel...