• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

martedì, Maggio 18, 2021

CINA: ALLA NEWCO PIPECHINA LA PROPRIETA’ DI TUTTE LE CONDOTTE NAZIONALI

Must read

Cadono le importazioni di LNG in America Latina

Secondo il rapporto annuale 2021 pubblicato dal Gruppo internazionale degli importatori di gas naturale liquefatto (GIIGNL), le importazioni di GNL dall'America Latina e dai...

Tenaris presenta Thera™ Technology per il trasporto e stoccaggio dell’idrogeno.

Tenaris ha recentemente presentato Thera™ Technology, la sua ultima soluzione dedicata allo stoccaggio e al trasporto dell’idrogeno. Con oltre 100 anni di esperienza nel settore,...

La prima fase del gasdotto di PennEast entrerà in servizio nel 2022

PennEast Pipeline prevede di mettere in servizio il prossimo anno la prima fase del nuovo gasdotto da 1,2 miliardi di dollari in Pennsylvania, e...

Siemens Energy annuncia la collaborazione per la sicurezza informatica su gasdotti

La compagnia tedesca Siemens Energy ha annunciato una collaborazione con ServiceNow per creare una serie di servizi informatici unificati che consenta alle aziende di...

Il Governo di Pechino ha deciso di razionalizzare l’assetto proprietario di tutti i gasdotti e gli oleodotti nazionali.

PetroChina, la major energetica statale, ha annunciato infatti l’intenzione di vendere, per un corrispettivo pari a 38,36 miliardi di dollari, tutte le sue pipeline e i suoi siti di stoccaggio alle neo-costituita China Oil and Gas Pipeline Network (PipeChina). Resteranno esclusi dal deal solo gli asset di Kunlun Energy, in cui PetroChina controlla il 54,4%.

Nell’ambito di un’operazione separata, che si inserisce però nella stessa strategia, anche China Petroleum & Chemical Corp (Sinopec) ha annunciato l’intenzione di cedere a PipeChina i suoi asset midstream, in cambio di una quota di capitale della nuova società (anche PetroChina sarà azionista di PipeChina col 30% delle quote).

PipChina era stata costituita a dicembre dello scorso anno, ma fino ad ora alla società non era stato conferito alcun asset, pur avendo siglato una serie di accordi con diverse corporation statali del settore energetico.

Questa razionalizzazione è stata decisa da Pechino nell’ambito degli sforzi messi in atto dal Governo per attrarre nuovi investimenti sull’industria oil&gas nazionale, tramite la garanzia di un accesso più semplice e trasparente alle infrastrutture di trasporto per le aziende private anche di dimensione medio-piccola.

 

Latest article

Cadono le importazioni di LNG in America Latina

Secondo il rapporto annuale 2021 pubblicato dal Gruppo internazionale degli importatori di gas naturale liquefatto (GIIGNL), le importazioni di GNL dall'America Latina e dai...

Tenaris presenta Thera™ Technology per il trasporto e stoccaggio dell’idrogeno.

Tenaris ha recentemente presentato Thera™ Technology, la sua ultima soluzione dedicata allo stoccaggio e al trasporto dell’idrogeno. Con oltre 100 anni di esperienza nel settore,...

La prima fase del gasdotto di PennEast entrerà in servizio nel 2022

PennEast Pipeline prevede di mettere in servizio il prossimo anno la prima fase del nuovo gasdotto da 1,2 miliardi di dollari in Pennsylvania, e...

Siemens Energy annuncia la collaborazione per la sicurezza informatica su gasdotti

La compagnia tedesca Siemens Energy ha annunciato una collaborazione con ServiceNow per creare una serie di servizi informatici unificati che consenta alle aziende di...

Invenergy e BW LNG assieme per rifornire El Salvador

La statunitense Invenergy e BW LNG (Singapore) hanno firmato una alleanza da 129 milioni di dollari con IDB Invest, per finanziare la costruzione dell'unità...