• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

martedì, Settembre 28, 2021

CINA: ALLA NEWCO PIPECHINA LA PROPRIETA’ DI TUTTE LE CONDOTTE NAZIONALI

Must read

Enertime utilizza un generatore ABB per aumentare l’efficienza energetica nei gasdotti

Enertime, una società specializzata nello sviluppo di sistemi energetici industriali, utilizza un generatore ABB ad alta tensione nell’ambito di un progetto pilota, allo scopo...

Perù. Uno studio afferma che il gas naturale ha fatto risparmiare al paese 85 miliardi di euro

Secondo il nuovo studio condotto da Macroconsult, tra il 2004 e il 2020, il progetto Camisea ha fatto risparmiare al Perù 85 miliardi di...

Colombia. Saranno necessari 1,4 miliardi di euro per rafforzare la rete di gasdotti

L’associazione colombiana dei produttori di gas naturale ha identificato 127 progetti di questo importante settore in Colombia, che implicherà un investimento di 2,4 miliardi...

Tennessee Gas Pipeline annuncia un piano per ridurre le emissioni di metano

La compagnia statunitense Tennessee Gas Pipeline (TGP), una sussidiaria di Kinder Morgan, e Southwestern Energy (SWN) hanno annunciato l'avvio di un accordo per ridurre...

Il Governo di Pechino ha deciso di razionalizzare l’assetto proprietario di tutti i gasdotti e gli oleodotti nazionali.

PetroChina, la major energetica statale, ha annunciato infatti l’intenzione di vendere, per un corrispettivo pari a 38,36 miliardi di dollari, tutte le sue pipeline e i suoi siti di stoccaggio alle neo-costituita China Oil and Gas Pipeline Network (PipeChina). Resteranno esclusi dal deal solo gli asset di Kunlun Energy, in cui PetroChina controlla il 54,4%.

Nell’ambito di un’operazione separata, che si inserisce però nella stessa strategia, anche China Petroleum & Chemical Corp (Sinopec) ha annunciato l’intenzione di cedere a PipeChina i suoi asset midstream, in cambio di una quota di capitale della nuova società (anche PetroChina sarà azionista di PipeChina col 30% delle quote).

PipChina era stata costituita a dicembre dello scorso anno, ma fino ad ora alla società non era stato conferito alcun asset, pur avendo siglato una serie di accordi con diverse corporation statali del settore energetico.

Questa razionalizzazione è stata decisa da Pechino nell’ambito degli sforzi messi in atto dal Governo per attrarre nuovi investimenti sull’industria oil&gas nazionale, tramite la garanzia di un accesso più semplice e trasparente alle infrastrutture di trasporto per le aziende private anche di dimensione medio-piccola.

 

Latest article

Enertime utilizza un generatore ABB per aumentare l’efficienza energetica nei gasdotti

Enertime, una società specializzata nello sviluppo di sistemi energetici industriali, utilizza un generatore ABB ad alta tensione nell’ambito di un progetto pilota, allo scopo...

Perù. Uno studio afferma che il gas naturale ha fatto risparmiare al paese 85 miliardi di euro

Secondo il nuovo studio condotto da Macroconsult, tra il 2004 e il 2020, il progetto Camisea ha fatto risparmiare al Perù 85 miliardi di...

Colombia. Saranno necessari 1,4 miliardi di euro per rafforzare la rete di gasdotti

L’associazione colombiana dei produttori di gas naturale ha identificato 127 progetti di questo importante settore in Colombia, che implicherà un investimento di 2,4 miliardi...

Tennessee Gas Pipeline annuncia un piano per ridurre le emissioni di metano

La compagnia statunitense Tennessee Gas Pipeline (TGP), una sussidiaria di Kinder Morgan, e Southwestern Energy (SWN) hanno annunciato l'avvio di un accordo per ridurre...

Le comunità autoctone non sono d’accordo con la revisione del permesso dell’oleodotto Dakota Access

Le comunità autoctone dei Sioux di Standing Rock, hanno affermato al Corpo degli ingegneri dell'esercito degli Stati Uniti, che lo studio ambientale sull'oleodotto Dakota...