• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

martedì, Maggio 18, 2021

IL PROGETTO DEL GASDOTTO TAPI ACCUMULA ALTRI 6 MESI DI RITARDO IN AFGHANISTAN

Must read

Cadono le importazioni di LNG in America Latina

Secondo il rapporto annuale 2021 pubblicato dal Gruppo internazionale degli importatori di gas naturale liquefatto (GIIGNL), le importazioni di GNL dall'America Latina e dai...

Tenaris presenta Thera™ Technology per il trasporto e stoccaggio dell’idrogeno.

Tenaris ha recentemente presentato Thera™ Technology, la sua ultima soluzione dedicata allo stoccaggio e al trasporto dell’idrogeno. Con oltre 100 anni di esperienza nel settore,...

La prima fase del gasdotto di PennEast entrerà in servizio nel 2022

PennEast Pipeline prevede di mettere in servizio il prossimo anno la prima fase del nuovo gasdotto da 1,2 miliardi di dollari in Pennsylvania, e...

Siemens Energy annuncia la collaborazione per la sicurezza informatica su gasdotti

La compagnia tedesca Siemens Energy ha annunciato una collaborazione con ServiceNow per creare una serie di servizi informatici unificati che consenta alle aziende di...

Si prevedono ulteriori ritardi per il completamento del gasdotto TAPI (Turkmenistan-Afghanistan-Pakistan-India), nuova pipeline in fase di realizzazione, lunga complessivamente oltre 1.800 chilometri e dal costo totale di oltre 8 miliardi di dollari, che ha come supervisore tecnico – relativamente al solo tratto turkmeno – il gruppo italiano RINA.

I problemi sarebbero – secondo quanto riferito dalla stampa locale – in Afghanistan, Paese tra i promotori dell’opera e sul cui territorio (nelle province di Herat, Farah, Nimroz, Helmand e Kandahar) correranno 816 Km di condotta, la cui destinazione finale è la città indiana di Fazilka, al confine col Pakistan.

A causare ulteriori ritardi, stimati in almeno sei mesi aggiuntivi, sarebbero questioni relative all’acquisizione di alcuni terreni su cui deve passare la pipeline: per procedere è necessario che il parlamento afgano approvi un’apposita legge, ma al momento i deputati sono impegnati su altri provvedimenti, e servirà almeno un semestre per sbloccare la situazione.

In base ai primi accordi sul progetto del TAPI, siglati dalla parti coinvolte nel 2015, i lavori per la costruzione del gasdotto sarebbero dovuti iniziare nel 2017, ma poi una serie di problemi ne hanno posticipato la data di avvio.

L’infrastruttura è però strategica per tutti i Paesi toccati dal tracciato, e in particolar modo per l’Afghanistan, che conta di ricavare 400 milioni di dollari all’anno in tariffe di transito e che, tramite il TAPI, potrà assicurarsi forniture di gas sicure e costanti: 500 milioni di metri cubi all’anno nei primi 10 anni di attività della pipeline, 1 miliardi di metri cubi annui nel decennio successivo e 1,5 miliardi di metri cubi all’anno nel terzo decennio di operatività della condotta.

Latest article

Cadono le importazioni di LNG in America Latina

Secondo il rapporto annuale 2021 pubblicato dal Gruppo internazionale degli importatori di gas naturale liquefatto (GIIGNL), le importazioni di GNL dall'America Latina e dai...

Tenaris presenta Thera™ Technology per il trasporto e stoccaggio dell’idrogeno.

Tenaris ha recentemente presentato Thera™ Technology, la sua ultima soluzione dedicata allo stoccaggio e al trasporto dell’idrogeno. Con oltre 100 anni di esperienza nel settore,...

La prima fase del gasdotto di PennEast entrerà in servizio nel 2022

PennEast Pipeline prevede di mettere in servizio il prossimo anno la prima fase del nuovo gasdotto da 1,2 miliardi di dollari in Pennsylvania, e...

Siemens Energy annuncia la collaborazione per la sicurezza informatica su gasdotti

La compagnia tedesca Siemens Energy ha annunciato una collaborazione con ServiceNow per creare una serie di servizi informatici unificati che consenta alle aziende di...

Invenergy e BW LNG assieme per rifornire El Salvador

La statunitense Invenergy e BW LNG (Singapore) hanno firmato una alleanza da 129 milioni di dollari con IDB Invest, per finanziare la costruzione dell'unità...