• Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

venerdì, Febbraio 26, 2021

ANCHE IN GERMANIA CRESCE L’OPPOSIZIONE AL NORD STREAM 2

Must read

Tesmec: il calo del 2020 (causa Covid) rispetta le attese, portafoglio ordini in crescita

Il gruppo italiano Tesmec leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di...

La Germania sta già studiando il ‘phase out’ del gas naturale dal settore del riscaldamento

La Germania dovrà prepararsi a dire addio al gas naturale per il riscaldamento molto presto, già entro pochi anni. Ne è convinto il Ministro tedesco...

Snam alla ricerca di una FSRU da installare al largo della Sardegna

Snam avrebbe avviato una ricerca di mercato, propedeutica all’avvio di una procedura di gara vera e propria prevista per il mese prossimo, per la...

A gennaio il 20% del gas arrivato in Italia col TAP è stato ri-esportato verso altri mercati

Da inizio anno il nuovo gasdotto TAP (Trans Adriatic Pipeline) è entrato in attività, consentendo all’Italia di importare gas dall’Azerbaijan ma rendendo anche il...

Anche tra i vertici delle istituzioni politiche tedesche cresce l’opposizione al Nord Stream 2, il gasdotto in fase di completamento (dopo una serie di ritardi causati dalle sanzioni USA) che raddoppierebbe la capacità della Russia di consegnare gas al Nord Europa e in particolare proprio alla Germania.

E infatti è sempre stata la Germania il principale e più convinto sostenitore della necessità di questa nuova infrastruttura, che invece a Washington, a Bruxelles ma anche in diverse altre cancellerie europee è vista con sospetto poiché ritenuta un ulteriore strumento di potere del Cremlino nei confronti del Vecchio Continente, il quale già fin troppo dipende da Mosca per l’approvvigionamento di gas.

Giudizio che inizia ed essere condiviso anche nelle più alte sfere dell’establishment tedesco, specie dopo il caso dell’avvelenamento dell’oppositore russo Aleksei Navalny, ora ricoverato in un ospedale di Berlino dopo essere stato esposto ad un agente nervino chiamato Novichok, sostanza molto simile a quella che sarebbe già stata utilizzata in passato per eliminare altri dissidenti o ex agenti dei servizi segreti russi.

Se quindi in molti ritengono anche questa azione, se non direttamente ordinata, in qualche modo ‘benedetta’ dal Governo di Mosca, ecco che anche in Germania iniziano a levarsi voci critiche nei confronti del Nord Stream 2 e di ciò che esso potrebbe rappresentare, ovvero un ulteriore consolidamento della già forte dipendenza energetica europea dalla Russia.

“Dobbiamo attuare politiche dure e rispondere con l’unico linguaggio che Putin comprende, quello delle vendite di gas” ha infatti dichiarato Norbert Roettgen, Presidente del comitato parlamentare tedesco per gli affari esteri. “Se il Nord Stream 2 venisse completato, sarebbe un segnale e un incoraggiamento a Putin per continuare con questo tipo di condotta”.

 

Latest article

Tesmec: il calo del 2020 (causa Covid) rispetta le attese, portafoglio ordini in crescita

Il gruppo italiano Tesmec leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di...

La Germania sta già studiando il ‘phase out’ del gas naturale dal settore del riscaldamento

La Germania dovrà prepararsi a dire addio al gas naturale per il riscaldamento molto presto, già entro pochi anni. Ne è convinto il Ministro tedesco...

Snam alla ricerca di una FSRU da installare al largo della Sardegna

Snam avrebbe avviato una ricerca di mercato, propedeutica all’avvio di una procedura di gara vera e propria prevista per il mese prossimo, per la...

A gennaio il 20% del gas arrivato in Italia col TAP è stato ri-esportato verso altri mercati

Da inizio anno il nuovo gasdotto TAP (Trans Adriatic Pipeline) è entrato in attività, consentendo all’Italia di importare gas dall’Azerbaijan ma rendendo anche il...

Italgas mette in esercizio altri 130 Km di rete in Sardegna

Italgas ha annunciato ieri l’avvio dei lavori di messa in esercizio di altri 130 chilometri circa di reti del gas ‘native digitali’ al servizio...