• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4
  • Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4
  • Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

mercoledì, Aprile 14, 2021

Cyber-security per le multi-utility: Panasonic presenta nuovo device TOUGHBOOK 55

Must read

Total e CNOOC firmano per costruire un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari tra Uganda e Tanzania

Dopo l’annuncio dello scorso febbraio da parte del Governo dell’Uganda riguardo al nuovo progetto per un oleodotto che dovrebbe collegare il Paese con la...

L’italiana Isolfin realizzerà la stazione di compressione del nuovo gasdotto Baltic Pipe in Danimarca

Sarà l’azienda italiana Isolfin a costruite la stazione di compressione del nuovo gasdotto Baltic Pipe in Danimarca. E’ stata la stessa società, basata a Genova,...

Fondi americani e cinesi in corsa per rilevare il 49% della rete di oleodotti di Saudi Aramco

Il colosso petrolifero statale dell'Arabia Saudita, Saudi Aramco, sarebbe in trattative ormai avanzate per cedere, ad una cifra compresa tra i 10 e i...

McConnell Dowell accelera nel completamento del suo progetto in Nuova Zelanda.

Il progetto Hinehōaka per la riqualificazione delle acque nella St. Marys Bay, ha visto la realizzazione di oltre un chilometro di micro-tunnel in meno...

La crescente integrazione dei sistemi IT rende più esposte ad attacchi informatici, rispetto al passato, un numero di aziende diverse, comprese le multi utility.

Secondo una ricerca condotta nel 2019 su 1.700 aziende di servizi pubblici – spiega Panasonic in una nota – in un anno il 56% di esse affronta almeno un lasso di tempo di inattività o la perdita di dati operativi. Inoltre, solo il 42% considera elevato il proprio livello di preparazione informatica, e solo il 31% si ritiene pienamente pronto a rispondere efficacemente a un attacco.

Le aziende del mondo utility sono quindi consapevoli che la sicurezza informatica debba essere garantita a tutti i livelli; gli attacchi alla rete devono essere contrastati in modo rapido ed efficiente, ed è fondamentale un monitoraggio 24 ore su 24, 7 giorni su 7 dell’infrastruttura operativa. L’accesso all’autenticazione dovrebbe essere la norma e tutti i dispositivi mobili utilizzati dal personale dovrebbero essere protetti al 100%.

In questo contesto la scelta dei dispositivi mobili utilizzati diventa cruciale, ed è per questo che Panasinic ha introdotto il nuovo TOUGHBOOK 55, tra i primi PC Secured-core al mondo sviluppati in collaborazione con Microsoft.

Progettato per un utilizzo mission-critical nei settori che trattano dati sensibili, il TOUGHBOOK 55 permette a chi lo usa di eseguirne l’avvio in tutta sicurezza, proteggere il device dalle vulnerabilità firmware, difendere il sistema operativo dagli attacchi e bloccare l’accesso non autorizzato a dispositivi e dati, grazie a un sistema avanzato di autenticazione e controllo degli accessi.

Il TOUGHBOOK 55 è protetto fin dalla sua accensione, durante l’utilizzo e fino allo spegnimento del dispositivo. Le sue caratteristiche rugged lo proteggono dai danni fisici, mentre la flessibilità di personalizzazione consente di rimuovere facilmente la memoria per proteggere i dati sensibili e le funzionalità Secured-core impediscono dannosi attacchi al sistema.

“Man mano che le minacce e gli attacchi informatici diventano sempre più sofisticati, i clienti sono alla ricerca di nuove soluzioni in grado di fornire un livello di sicurezza completo,” afferma Luca Legnani, European Marketing Manager per Panasonic Mobile Solutions Business Division – Europe. “Questo è un fattore molto importante nei settori in cui le informazioni sono altamente sensibili, come ad esempio servizi di emergenza, difesa o settore pubblico, e per chi ricopre determinati ruoli, come senior executives, R&D manager o lavoratori sul campo, i cui dispositivi mobili contengono informazioni sensibili su clienti e aziende”.

Latest article

Total e CNOOC firmano per costruire un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari tra Uganda e Tanzania

Dopo l’annuncio dello scorso febbraio da parte del Governo dell’Uganda riguardo al nuovo progetto per un oleodotto che dovrebbe collegare il Paese con la...

L’italiana Isolfin realizzerà la stazione di compressione del nuovo gasdotto Baltic Pipe in Danimarca

Sarà l’azienda italiana Isolfin a costruite la stazione di compressione del nuovo gasdotto Baltic Pipe in Danimarca. E’ stata la stessa società, basata a Genova,...

Fondi americani e cinesi in corsa per rilevare il 49% della rete di oleodotti di Saudi Aramco

Il colosso petrolifero statale dell'Arabia Saudita, Saudi Aramco, sarebbe in trattative ormai avanzate per cedere, ad una cifra compresa tra i 10 e i...

McConnell Dowell accelera nel completamento del suo progetto in Nuova Zelanda.

Il progetto Hinehōaka per la riqualificazione delle acque nella St. Marys Bay, ha visto la realizzazione di oltre un chilometro di micro-tunnel in meno...

Italgas si rafforza in Valle d’Aosta rilevando 150 Km di rete dal Gruppo Energetica

Italgas ha annunciato una nuova operazione finalizzata al consolidamento della propria presenza in Valle d’Aosta: il gruppo ha infatti definito con Energie Rete Gas,...