• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

domenica, Settembre 19, 2021

GNL PIU’ COMPETITIVO DELLE PIPELINE: LUKOIL COSTRETTA A SOSPENDERE L’EXPORT VERSO LA CINA

Must read

Stati Uniti. Spire Inc. ottiene più tempo per operare il Missouri St. Louis NG Pipeline

La società statunitense di gas naturale Spire Inc ha ottenuto il permesso dall’ente regolatore federale, per continuare le attività nel suo gasdotto STL del...

Brasile. Bolsonaro rilancia e vuole il gas argentino a tutti i costi

Le elezioni in Brasile sono previste per settembre del 2022, ma in realtà la campagna è già iniziata e l’argomento energia è sul tavolo. Bolsonaro...

Brasile. Il nuovo etanolodotto soddisferà l’intero fabbisogno di San Paulo

A partire da settembre, tutta la domanda di etanolo generata dalla regione metropolitana di San Paolo potrà essere soddisfatta grazie ai nuovi etanolodotti di...

Le comunità autoctone canadesi chiedono la deviazione del gasdotto di Enbridge

L’organizzazione canadese “First Nation”, istituzione che rappresenta le comunità autoctone canadesi, ha affermato di voler costringere la compagnia Enbridge Inc. a deviare il tracciato...

Gli effetti della pandemia sul mercato del gas hanno reso scarsamente competitivo il trasporto via pipeline in alcune regioni, tanto che la russa Lukoil è stata costretta a sospendere l’export del suo gas estratto in Uzbekistan verso la Cina.

La compagnia russa, la seconda del Paese per dimensione nel settore dell’oil&gas, non può esportare direttamente all’estero il metano prodotto in madre patria, che viene venduto principalmente al colosso statale Gazprom, il quale poi lo distribuisce a sua volta sui mercati internazionali.

Per tentare di bypassare questa situazione e avere accesso diretto ai mercati asiatici, Lukoil aveva quindi deciso di sviluppare una serie di progetti nel vicino Uzbekistan, investendo oltre 10 miliardi di dollari che sperava poi di poter ammortizzare con la vendita del gas uzbeko alla Cina. Ma l’epidemia di Covid ha di fatto mandato all’aria lo schema, almeno per il momento. Con il crollo della domanda, infatti, i prezzi del gas in generale sono rapidamente diminuiti, e quindi il GNL, che viene commercializzato su base spot è diventato più competitivo rispetto al prodotto spedito via pipeline, le cui forniture sono solitamente legate a contratti di lungo periodo meno sensibili alle dinamiche di prezzo contingenti.

Motivo per cui Lukoil ha dovuto sospendere l’export di gas – che avveniva appunto tramite condotta – dall’Uzbekistan alla Cina, dirottando sul mercato interno uzbeko oltre 5 miliardi di metri cubi di metano, come ha spiegato alla Reuters Pavel Zhdanov, Vice-president di Lukoil.

“Molto dipende da quando la domanda inizierà a riprendersi” ha detto. “Il GNL è diventato più economico rispetto al gas trasportato via pipeline, incluso quello dall’Uzbekistan, ma noi ci auguriamo che la situazione possa tornare quella precedente ad un certo punto”.

Il manager russo non si è sbilanciato su quando ciò potrà accadere, ma ha detto che ci sono dei primi segnali di ripresa della domanda di gas in Cina, il principale consumatore del mondo, e Lukoil è in trattativa per riattivare le forniture.

GNL PIU’ COMPETITIVO DELLE PIPELINE: LUKOIL COSTRETTA A SOSPENDERE L’EXPORT VERSO LA CINA - Pipeline News -  - News
A worker checks the valve of an oil pipe at the Lukoil company owned Imilorskoye oil field outside the West Siberian city of Kogalym, Russia, January 25, 2016. Picture taken January 25, 2016. REUTERS/Sergei Karpukhin – RTX24VFM

Latest article

Stati Uniti. Spire Inc. ottiene più tempo per operare il Missouri St. Louis NG Pipeline

La società statunitense di gas naturale Spire Inc ha ottenuto il permesso dall’ente regolatore federale, per continuare le attività nel suo gasdotto STL del...

Brasile. Bolsonaro rilancia e vuole il gas argentino a tutti i costi

Le elezioni in Brasile sono previste per settembre del 2022, ma in realtà la campagna è già iniziata e l’argomento energia è sul tavolo. Bolsonaro...

Brasile. Il nuovo etanolodotto soddisferà l’intero fabbisogno di San Paulo

A partire da settembre, tutta la domanda di etanolo generata dalla regione metropolitana di San Paolo potrà essere soddisfatta grazie ai nuovi etanolodotti di...

Le comunità autoctone canadesi chiedono la deviazione del gasdotto di Enbridge

L’organizzazione canadese “First Nation”, istituzione che rappresenta le comunità autoctone canadesi, ha affermato di voler costringere la compagnia Enbridge Inc. a deviare il tracciato...

Stati Uniti. Il Colonial Pipeline riprende le attività mentre il nuovo uragano Nicholas perde forza

Il più grande oleodotto degli Stati Uniti ha ripreso le operazioni in maniera parziale, dopo aver dimostrato che l’infrastruttura ha resistito all'uragano Nicholas in...