• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

sabato, Luglio 24, 2021

IL RINA AL LAVORO PER RIPARARE UNA PIPELINE OFFSHORE IN INDONESIA

Must read

Biden rivela un vecchio attacco informatico cinese alla propria rete di gasdotti

Il presidente Joe Biden e alti funzionari degli Stati Uniti si riuniranno con le principali compagnie del settore privato il prossimo 25 agosto per...

L’espansione dell’oleodotto Trans Mountain ottiene l’approvazione dall’ente regolatore

Il progetto di espansione dell'oleodotto canadese Trans Mountain ha ricevuto l'approvazione dal Canada Energy Regulator. Il nuovo tracciato allontana così il gasdotto da una falda...

Italgas – il trasporto dei gas del futuro per sostenere la transizione energetica

Italgas Reti, primo operatore in Italia e terzo in Europa con 8.000 chilometri di rete gestite, metterà a disposizione il proprio know-how per sostenere...

WBI Energy inizia la costruzione del gasdotto ND Natural

La compagnia WBI Energy, ha iniziato la costruzione del progetto di espansione North Bakken nel Nord Dakota. Questa espansione del gasdotto avrà la capacità...

Il gruppo genovese RINA progetterà e supervisionerà l’intervento di riparazione su una pipeline sottomarina che collega la boa offshore di approdo delle navi petroliere con la raffineria di Balikpapan, in Indonesia.

L’azienda italiana ha infatti firmato con PT Patra Badak Arun Solusi, la controllata del gruppo petrolifero nazionale indonesiano PT Pertamina Persero che gestisce l’impianto, un contratto relativo ai lavori di riparazione di un PLEM (Pipeline End Manifold) danneggiato.

Il RINA – come precisa la stessa società a Pipeline News – si occuperà dell’esecuzione dell’ingegneria, della supervisione e del coordinamento delle attività di riparazione, che dureranno circa un anno e saranno svolte ad una profondità compresa tra i 25 e i 30 metri.

Nello specifico, il danno al PELM – costruito negli anni ’70 per connettere le manichette di scarico con l’oleodotto di 30 pollici di diametro che convoglia il prodotto alla raffineria – si è verificato in corrispondenza di un raccordo a T nella parte superiore. La riparazione si svolgerà in tre fasi: la prima prevede l’installazione provvisoria di una clampa, per evitare la dispersione in mare del petrolio, e di una struttura in acciaio per ridurre lo stato tensionale del PLEM. Nella seconda fase le strutture installate saranno sostituite da un’unica clampa che svolgerà entrambe le funzioni, mentre nella terza e ultima fase si procederà a sostituire completamente la connessione danneggiata.

Il RINA progetterà le nuove strutture, finalizzate a garantire una maggiore resistenza del PLEM e a preservare la sicurezza dell’impianto riducendo il rischio di nuove rotture, per poi supervisionare e coordinare tutte le fasi dell’intervento. Nel corso della progettazione saranno utilizzati diversi strumenti digitali all’avanguardia, quali il software di simulazione strutturale Ansys, che permette di ricostruire in 3D l’intero PLEM al fine di individuare gli elementi strutturali maggiormente sollecitati e verificarne l’adeguatezza.

La raffineria di Balikpapan, che attualmente è la terza nel Paese per dimensione, è destinata a diventare la più grande dell’Indonesia, grazie agli importanti investimenti che saranno realizzati e che prevedono sia il restyling della parte esistente sia la realizzazione di nuove unità produttive.

Latest article

Biden rivela un vecchio attacco informatico cinese alla propria rete di gasdotti

Il presidente Joe Biden e alti funzionari degli Stati Uniti si riuniranno con le principali compagnie del settore privato il prossimo 25 agosto per...

L’espansione dell’oleodotto Trans Mountain ottiene l’approvazione dall’ente regolatore

Il progetto di espansione dell'oleodotto canadese Trans Mountain ha ricevuto l'approvazione dal Canada Energy Regulator. Il nuovo tracciato allontana così il gasdotto da una falda...

Italgas – il trasporto dei gas del futuro per sostenere la transizione energetica

Italgas Reti, primo operatore in Italia e terzo in Europa con 8.000 chilometri di rete gestite, metterà a disposizione il proprio know-how per sostenere...

WBI Energy inizia la costruzione del gasdotto ND Natural

La compagnia WBI Energy, ha iniziato la costruzione del progetto di espansione North Bakken nel Nord Dakota. Questa espansione del gasdotto avrà la capacità...

Gli Stati Uniti annunciano nuovi requisiti di sicurezza informatica ai proprietari di gasdotti

Il Dipartimento della Sicurezza statunitense ha richiesto ai proprietari e operatori di trasporto di gas e petrolio, di introdurre misure di protezioni urgenti contro...