Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

domenica, Novembre 29, 2020

LA NIGERIA LIBERALIZZA L’ACCESSO AI SUOI GASDOTTI E PUNTA AD ATTRARRE INVESTIMENTI INTERNAZIONALI

Must read

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...

LA RETE DI ITALGAS SARÀ COMPLETAMENTE DIGITALIZZATA ENTRO IL 2022

Entro il 2022 la rete di condotte gestita da Italgas sarà completamente digitalizzata, e quindi pronta per ricevere e gestire qualsiasi tipo di gas. Lo ha dichiarato...

Per sostenere il mercato interno del gas, fino a questo momento messo in ombra dalla più fiorente industria petrolifera, e attrarre investimenti internazionali destinati al potenziamento delle rete di pipeline nazionale, la Nigeria ha varato una liberalizzazione del settore.

Secondo quanto riferito dal Ministro per il Petrolio Timipre Sylva, e riportato dall’agenzia di stampa Reuters, il Governo del Paese africano ha infatti approvato una nuova regolamentazione che interviene sull’accesso ai gasdotti, rendendolo più libero e concorrenziale.

In Nigeria lo sfruttamento delle ingenti riserve di gas è rimasto ancora a livelli molto bassi, a causa della preponderanza del settore petrolifero, tanto che spesso il metano viene ancora bruciato alla fonte col procedimento del flaring, che oltre a disperdere risorse economiche ha effetti dannosi sull’ambiente.

Il 2020, però, è stato dichiarato ‘anno del gas’, con l’obbiettivo di monetizzare le risorse naturali ancora non sfruttate e potenziare le infrastrutture nazionali di trasporto, oggi frammentate e sconnesse.

La Nigeria ha estremo bisogno di investimenti sui propri gasdotti, ma non ha le risorse sufficienti per farlo in proprio, motivo per cui ha deciso di innovare il quadro regolatorio del settore, nella speranza di attirare capitali esteri.

Le nuove norme, che regolano il rapporto tra gestori di pipeline e utilizzatori, si applicheranno a tutti i nuovi contratti e, entro 6 mesi dall’entrata in vigore del provvedimento, anche tutti i contratti preesistenti dovranno adeguarsi ai nuovi parametri.

L’obbiettivo è “garantire un accesso libero e competitivo alle infrastrutture del gas del Paese” ha infatti spiegato Sylva, parlando in occasione del Nigerian International Petroleum Summit svoltosi ad Abuja.

Latest article

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...

LA RETE DI ITALGAS SARÀ COMPLETAMENTE DIGITALIZZATA ENTRO IL 2022

Entro il 2022 la rete di condotte gestita da Italgas sarà completamente digitalizzata, e quindi pronta per ricevere e gestire qualsiasi tipo di gas. Lo ha dichiarato...

COMPLETATO IL GASDOTTO CALLAHAN NEL NORD-EST DELLA FLORIDA

La società formata da Chesapeake Utilities e TECO Peoples Gas ha completato la costruzione del gasdotto Callahan, infrastruttura lunga 44 chilometri finalizzata ad ampliare il servizio...