Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

domenica, Novembre 29, 2020

IL TERMINAL SIOT HA IMMESSO NELL’OLEODOTTO TAL 41,2 MILIONI DI TONNELLATE DI GREGGIO NEL 2019

Must read

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...

LA RETE DI ITALGAS SARÀ COMPLETAMENTE DIGITALIZZATA ENTRO IL 2022

Entro il 2022 la rete di condotte gestita da Italgas sarà completamente digitalizzata, e quindi pronta per ricevere e gestire qualsiasi tipo di gas. Lo ha dichiarato...

Sono state in totale 41,2 milioni le tonnellate di greggio, sbarcate da 465 petroliere, che attraverso il terminal portuale di da SIOT (Società Italiana per l’Oleodotto Transalpino) a Trieste hanno raggiunto i mercati di destinazione di Austria, Baviera e Repubblica Ceca tramite l’Oleodotto Transalpino, infrastruttura energetica gestita dal gruppo TAL (di cui la stessa SIOT è parte).

A rivelarlo, nel corso di un apposito incontro tenutosi nella città giuliana, è stato Alessio Lilli, General Manager del gruppo TAL e Presidente di SIOT, che ha spiegato: “Questi numeri, che portano i totali storici a 1,539 miliardi di tonnellate trasportate e a 20.227 navi attraccate dal 1967, testimoniano un traffico di greggio sostanzialmente stabile fin dal 2013, segnale di un fabbisogno energetico costante delle regioni collegate al nostro oleodotto, di una regolarità del sistema, sia dal punto di vista tecnico che economico, dall’approvvigionamento fino alla raffinazione”.

Il 2020, però, sembra essere partito con una marcia in più: “A gennaio – ha infatti aggiunto Lilli – abbiamo movimentato 3,8 milioni di tonnellate di petrolio, rispetto ai 3 milioni di tonnellate di gennaio 2019”.

In ogni caso, Lilli – che ha ricordato come ad agosto scorso abbia attraccato al terminal triestino di SIOT la petroliera numero 20.000 – si è detto consapevole di come “quello in cui noi agiamo, ovvero la logistica del crude oil, sia un settore pienamente maturo”, ma ha anche aggiunto di vedere “grandi possibilità sia nel campo dell’innovazione che in quello del nostro ruolo nel tessuto economico internazionale. La nostra natura di gruppo che collega Trieste, Austria e Germania ci porta a volerci mettere a disposizione come ponte e collegamento tra le economie e i sistemi di queste aree, una mission che abbiamo ribadito anche con la firma nel Palazzo della Regione di un accordo quadrilaterale con Technische Universität di Monaco, Autorità Portuale di Sistema dell’Adriatico Orientale e Camera di Commercio Italo Tedesca, e che vedrà un nuovo capitolo in occasione di ESOF 2020”.

Latest article

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...

LA RETE DI ITALGAS SARÀ COMPLETAMENTE DIGITALIZZATA ENTRO IL 2022

Entro il 2022 la rete di condotte gestita da Italgas sarà completamente digitalizzata, e quindi pronta per ricevere e gestire qualsiasi tipo di gas. Lo ha dichiarato...

COMPLETATO IL GASDOTTO CALLAHAN NEL NORD-EST DELLA FLORIDA

La società formata da Chesapeake Utilities e TECO Peoples Gas ha completato la costruzione del gasdotto Callahan, infrastruttura lunga 44 chilometri finalizzata ad ampliare il servizio...