• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

martedì, Maggio 18, 2021

IL TERMINAL SIOT HA IMMESSO NELL’OLEODOTTO TAL 41,2 MILIONI DI TONNELLATE DI GREGGIO NEL 2019

Must read

Cadono le importazioni di LNG in America Latina

Secondo il rapporto annuale 2021 pubblicato dal Gruppo internazionale degli importatori di gas naturale liquefatto (GIIGNL), le importazioni di GNL dall'America Latina e dai...

Tenaris presenta Thera™ Technology per il trasporto e stoccaggio dell’idrogeno.

Tenaris ha recentemente presentato Thera™ Technology, la sua ultima soluzione dedicata allo stoccaggio e al trasporto dell’idrogeno. Con oltre 100 anni di esperienza nel settore,...

La prima fase del gasdotto di PennEast entrerà in servizio nel 2022

PennEast Pipeline prevede di mettere in servizio il prossimo anno la prima fase del nuovo gasdotto da 1,2 miliardi di dollari in Pennsylvania, e...

Siemens Energy annuncia la collaborazione per la sicurezza informatica su gasdotti

La compagnia tedesca Siemens Energy ha annunciato una collaborazione con ServiceNow per creare una serie di servizi informatici unificati che consenta alle aziende di...

Sono state in totale 41,2 milioni le tonnellate di greggio, sbarcate da 465 petroliere, che attraverso il terminal portuale di da SIOT (Società Italiana per l’Oleodotto Transalpino) a Trieste hanno raggiunto i mercati di destinazione di Austria, Baviera e Repubblica Ceca tramite l’Oleodotto Transalpino, infrastruttura energetica gestita dal gruppo TAL (di cui la stessa SIOT è parte).

A rivelarlo, nel corso di un apposito incontro tenutosi nella città giuliana, è stato Alessio Lilli, General Manager del gruppo TAL e Presidente di SIOT, che ha spiegato: “Questi numeri, che portano i totali storici a 1,539 miliardi di tonnellate trasportate e a 20.227 navi attraccate dal 1967, testimoniano un traffico di greggio sostanzialmente stabile fin dal 2013, segnale di un fabbisogno energetico costante delle regioni collegate al nostro oleodotto, di una regolarità del sistema, sia dal punto di vista tecnico che economico, dall’approvvigionamento fino alla raffinazione”.

Il 2020, però, sembra essere partito con una marcia in più: “A gennaio – ha infatti aggiunto Lilli – abbiamo movimentato 3,8 milioni di tonnellate di petrolio, rispetto ai 3 milioni di tonnellate di gennaio 2019”.

In ogni caso, Lilli – che ha ricordato come ad agosto scorso abbia attraccato al terminal triestino di SIOT la petroliera numero 20.000 – si è detto consapevole di come “quello in cui noi agiamo, ovvero la logistica del crude oil, sia un settore pienamente maturo”, ma ha anche aggiunto di vedere “grandi possibilità sia nel campo dell’innovazione che in quello del nostro ruolo nel tessuto economico internazionale. La nostra natura di gruppo che collega Trieste, Austria e Germania ci porta a volerci mettere a disposizione come ponte e collegamento tra le economie e i sistemi di queste aree, una mission che abbiamo ribadito anche con la firma nel Palazzo della Regione di un accordo quadrilaterale con Technische Universität di Monaco, Autorità Portuale di Sistema dell’Adriatico Orientale e Camera di Commercio Italo Tedesca, e che vedrà un nuovo capitolo in occasione di ESOF 2020”.

Latest article

Cadono le importazioni di LNG in America Latina

Secondo il rapporto annuale 2021 pubblicato dal Gruppo internazionale degli importatori di gas naturale liquefatto (GIIGNL), le importazioni di GNL dall'America Latina e dai...

Tenaris presenta Thera™ Technology per il trasporto e stoccaggio dell’idrogeno.

Tenaris ha recentemente presentato Thera™ Technology, la sua ultima soluzione dedicata allo stoccaggio e al trasporto dell’idrogeno. Con oltre 100 anni di esperienza nel settore,...

La prima fase del gasdotto di PennEast entrerà in servizio nel 2022

PennEast Pipeline prevede di mettere in servizio il prossimo anno la prima fase del nuovo gasdotto da 1,2 miliardi di dollari in Pennsylvania, e...

Siemens Energy annuncia la collaborazione per la sicurezza informatica su gasdotti

La compagnia tedesca Siemens Energy ha annunciato una collaborazione con ServiceNow per creare una serie di servizi informatici unificati che consenta alle aziende di...

Invenergy e BW LNG assieme per rifornire El Salvador

La statunitense Invenergy e BW LNG (Singapore) hanno firmato una alleanza da 129 milioni di dollari con IDB Invest, per finanziare la costruzione dell'unità...