• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

giovedì, Luglio 29, 2021

La polacca PGNiG rileva gli asset norvegesi di Ineos per ‘alimentare’ la Baltic Pipe

Must read

Gazprom paga 349 milioni di euro per aumentare la capacità di trasporto del gasdotto TurkStream

Secondo quanto riportato dall’operatore Bulgartransgaz, Gazprom ha recentemente accettato il pagamento anticipato di 349 milioni di euro per permettere l’aumento della capacità di trasporto...

Le importazioni di gas naturale dal Messico dagli Stati Uniti sono state il 76% della fornitura a giugno

In base all’ultimo rapporto informativo della EIA, in giugno le esportazioni di gas naturale dagli Stati Uniti al Messico attraverso i gasdotti hanno superato...

Stati Uniti. Spire STL cerca il sostegno del governo per evitare interruzioni di gas in inverno

La compagnia Spire STL Pipeline ha presentato una richiesta di appoggio al governo allo scopo di garantire il servizio del gasdotto STL prima di...

Inter Pipeline si allontana dall’accordo con Pembina

L'operatore canadese di gasdotti Inter Pipeline ha deciso di declinare la sua proposta di 5,6 miliardi di euro con la rivale Pembina Pipeline Corp,...

Nell’ambito dei suoi sforzi per assicurarsi forniture alternative a quelle russe, l’azienda energetica e TSO di Stato della Polonia PGNiG rileverà gli asset produttivi norgevesi del gruppo Ineos: un portafoglio di risorse di gas con cui verrà alimentata la nuova condotta Baltic Pipe, in fase di costruzione.

La divisione Ineos Energy, costituita lo scorso anno per gestire tutti gli asset oil&gas del gruppo britannico, ha infatti raggiunto un accordo con PGNiG Upstream Norway, controllata della corporation polacca, per la cessione di tutte le attività norvegesi, che comprendono partecipazioni in giacimenti attivi, quote in licenze di esplorazione, impianti produttivi e pipeline a fronte di un corrispettivo pari a 615 milioni di dollari.

“Il deal ci consente di monetizzare un portfolio di asset relativi principalmente al gas e non direttamente operati da noi ad un prezzo molto attrattivo, rispetto alle valutazioni di bilancio” ha spiegato Brian Gilvary, ex CFO di BP e oggi CEO di Ineos Energy.

L’acquisizione di Ineos E&P Norge, che dispone di risorse per 117 milioni di barili di olio equivalente, porterà l’output di PGNiG Upstream Norway a circa 1,5 miliardi di metri cubi (bcm) annui nei prossimi 5 anni, ha rivelato in una nota il gruppo polacco.

“L’acquisizione di Ineos E&P Norge ci consente di incrementare notevolmente la nostra capacità di produzione di gas in Norvegia, e ci garantisce volumi considerevoli con cui alimentare il nuovo gasdotto Baltic Pipe” ha dichiarato il CEO di PGNiG Pawel Majewski. L’operazione di acquisizione di asset produttivi in Norvegia e la realizzazione della Baltic Pipe – condotta che a partire da ottobre 2022 collegherà la Norvegia con la Polonia attraverso Mar Baltico e Danimarca – fanno parte di una più ampia strategia della corporation energetica polacca che vorrebbe ridurre il più possibile la sua dipendenza dalla Russia in termini di forniture di gas naturale.

Latest article

Gazprom paga 349 milioni di euro per aumentare la capacità di trasporto del gasdotto TurkStream

Secondo quanto riportato dall’operatore Bulgartransgaz, Gazprom ha recentemente accettato il pagamento anticipato di 349 milioni di euro per permettere l’aumento della capacità di trasporto...

Le importazioni di gas naturale dal Messico dagli Stati Uniti sono state il 76% della fornitura a giugno

In base all’ultimo rapporto informativo della EIA, in giugno le esportazioni di gas naturale dagli Stati Uniti al Messico attraverso i gasdotti hanno superato...

Stati Uniti. Spire STL cerca il sostegno del governo per evitare interruzioni di gas in inverno

La compagnia Spire STL Pipeline ha presentato una richiesta di appoggio al governo allo scopo di garantire il servizio del gasdotto STL prima di...

Inter Pipeline si allontana dall’accordo con Pembina

L'operatore canadese di gasdotti Inter Pipeline ha deciso di declinare la sua proposta di 5,6 miliardi di euro con la rivale Pembina Pipeline Corp,...

Il gasdotto TETCO ritorna in servizio al 100% della sua capacità

L'unità Texas Eastern Transmission (TETCO), appartenente alla compagnia Enbridge Inc, ha affermato di aver fornito tutte le informazioni richieste dalle autorità federali che regolano...