• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • Annuncio creato il 11/10/2021 16:04 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • Annuncio creato il 11/10/2021 16:04 - Pipeline News -  -

martedì, Gennaio 18, 2022

LA RETE DI ITALGAS SARÀ COMPLETAMENTE DIGITALIZZATA ENTRO IL 2022

Must read

Benassi prosegue gli interventi di riabilitazione trenchless sulla condotta dell’impianto “Quartier del Piave”

La divisione trenchless Benassi Srl porta a compimento con successo il proseguo degli interventi di riabilitazione sulla condotta in pressione a servizio dell’impianto pluvirriguo...

Ecuador. Petroecuador lavora alla costruzione di un oleodotto alternativo al SOTE

Il direttore generale di Petroecuador e il direttore del Ministero dei Trasporti hanno visitato il settore Piedra Fina, provincia de Napo, dove è stata...

L’oleodotto canadese Trans Mountain torna alla normalità

Il gasdotto canadese Trans Mountain è tornato alla normalità dopo aver funzionato a pressione ridotta per oltre un mese. L'oleodotto di proprietà del governo canadese,...

Gli Stati Uniti tranquillizzano il Libano di non temere le sanzioni per le forniture di gas

L'ambasciatore degli Stati Uniti in Libano ha detto al governo libanese che non dovrebbe temere una legge sulle sanzioni statunitensi che riguardano i piani...

Entro il 2022 la rete di condotte gestita da Italgas sarà completamente digitalizzata, e quindi pronta per ricevere e gestire qualsiasi tipo di gas.

Lo ha dichiarato Paolo Gallo, Amministratore delegato dell’azienda italiana che gestisce il network nazionale di distribuzione del metano, nel corso di un’intervista a Repubblica Tv.

“Oggi il gas riveste un ruolo molto importante in tutta Europa, rispondendo al 60% della domanda globale di energia, e in Italia il suo ‘peso’ è ancora maggiore se consideriamo che il 92% delle abitazioni private del Paese è direttamente collegato alla rete del metano”.

Un ruolo che, secondo Gallo, crescerà ancora nei prossimi anni con il progredire della transizione energetica: “Solo con un’infrastruttura efficiente e capillare saremo in grado di rispondere alla sempre maggiore necessità di flessibilità, che diventerà davvero un elemento fondamentale con lo sviluppo delle rinnovabili, che non sono flessibili per natura”.

Ma per portare la rete di distribuzione nel futuro è necessario uno sforzo importante in tema di sviluppo tecnologico, che Italgas sta implementando su più fronti: “Abbiamo adottato una nuova tecnologia americana che ci consente di rilevare, con una maggiore efficacia rispetto al passato, tutte le eventuali fuoriuscite di gas delle tubazioni, una capacità fondamentale per migliorare le performance sia in termini di sicurezza che di tutela dell’ambiente”.

Un altro aspetto fondamentale, in tema di tecnologia, riguarda poi la digitalizzazione della rete e dei processi: “E’ un percorso che abbiamo avviato puntando sull’hardware ma anche sulle competenze dei nostri addetti. L’Italia da questo punto di vista è all’avanguardia a livello europeo e forse anche mondiale. Tutti – ha assicurato Gallo – guardano a noi per capire come un’azienda tradizionale (con oltre 180 anni di storia) abbia saputo innovarsi. La digitalizzazione della rete, che porteremo a termine alla fine del prossimo anno, è un aspetto fondamentale anche nell’ottica della transizione energetica: quando infatti il network del gas trasporterà non più soltanto metano ma anche biometano e, in un secondo momento, idrogeno, sarà essenziale sapere sempre in tempo reale cosa sta effettivamente passando in ogni condotta. E questo sarà possibile solo avendo un network completamente digitalizzato”.

Concentrandosi poi sui ‘gas del futuro’, Gallo ha assicurato che “alla fine del decennio il biometano soddisferà oltre il 10% della domanda italiana di gas, e nel decennio successivo si affermerà sempre di più anche l’idrogeno verde. A questo appuntamento la nostra rete si farà trovare pronta per distribuire in sicurezza questi prodotti, contribuendo al consolidamento della transizione energetica e al raggiungimento degli obbiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 stabiliti per il 2050”.

Latest article

Benassi prosegue gli interventi di riabilitazione trenchless sulla condotta dell’impianto “Quartier del Piave”

La divisione trenchless Benassi Srl porta a compimento con successo il proseguo degli interventi di riabilitazione sulla condotta in pressione a servizio dell’impianto pluvirriguo...

Ecuador. Petroecuador lavora alla costruzione di un oleodotto alternativo al SOTE

Il direttore generale di Petroecuador e il direttore del Ministero dei Trasporti hanno visitato il settore Piedra Fina, provincia de Napo, dove è stata...

L’oleodotto canadese Trans Mountain torna alla normalità

Il gasdotto canadese Trans Mountain è tornato alla normalità dopo aver funzionato a pressione ridotta per oltre un mese. L'oleodotto di proprietà del governo canadese,...

Gli Stati Uniti tranquillizzano il Libano di non temere le sanzioni per le forniture di gas

L'ambasciatore degli Stati Uniti in Libano ha detto al governo libanese che non dovrebbe temere una legge sulle sanzioni statunitensi che riguardano i piani...

Eclipse Magnetics presenta un’innovativa tecnologia di filtrazione magnetica per gasdotti

La compagnia petrolifera Eclipse Magnetics ha progettato e fornito un separatore magnetico a una società internazionale che utilizzerà in un nuovo gasdotto. Il separatore in...