Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

giovedì, Dicembre 3, 2020

L’ARGENTINA AVVIA I LAVORI PER COMPLETARE IL GASDOTTO NORD-ORIENTALE (GNEA)

Must read

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

Una volta completato, il Gasdotto Nord-Orientale Argentino (GNEA) sarà in grado di trasportare altri 3 milioni di metri cubi di gas naturale. La decisione di riprendere i lavori è stata pubblicata nei giorni scorsi, dopo la visita del presidente Alberto Fernández nella provincia di Formosa.

L’opera, che è stata abbandonata alla fine del 2015 dal precedente governo, prevede di portare gas naturale nelle province di Misiones, Formosa e Corrientes, che da anni aspettano quest’infrastruttura per incrementare la produzione industriale.

L’Argentina Energy Integration Company (IEASA) ha ripreso la riprogrammazione dei lavori di costruzione e il budget che i lavori richiederanno per portare a termine una volta per tutte il gasdotto GNEA, che consentirà di importare gas naturale dalla Bolivia per distribuirlo nelle province di quella regione.

Il tratto di gasdotto mancante rappresenta il 12% del totale, oltre alle necessarie opere complementari, che richiederanno la progettazione di un nuovo bando pubblico come quello lanciato nel 2017 e che è stato infine ritirato.

Il lavoro, secondo stime preliminari, richiederebbe un investimento totale di 130 milioni di euro, che potrebbe aumentare a seconda dello stato dei tubi abbandonati lungo il tracciato del gasdotto.

Una volta completato, questa pipeline sarà in grado di trasportare altri 3 milioni di metri cubi a quelli già trasportati dal gasdotto settentrionale, sebbene questo volume aggiuntivo possa essere aumentato a 10 milioni di metri cubi con l’installazione di impianti di compressione come previsto nel progetto.

Fonti ufficiali hanno confermato che il Ministro dello sviluppo produttivo, Matías Kulfas, ha incaricato la società argentina di integrazione energetica (IEASA), ex Enarsa, di “intraprendere rapidamente tutte le azioni per riavviare i lavori”.

L’Istituto di energia argentino (IAE) dopo aver appreso la notizia, ha già fatto sapere che il governo nazionale deve elaborare nuovamente le offerte per procedere a completare la costruzione del gasdotto GNEA, considerando che la sua realizzazione è essenziale per l’importazione del gas boliviano e quindi completare l’integrazione nel mercato argentino.

Latest article

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...