• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

lunedì, Settembre 27, 2021

LA BULGARIA CERCA FONDI PER FINANZIARE IL BALKAN STREAM

Must read

Enertime utilizza un generatore ABB per aumentare l’efficienza energetica nei gasdotti

Enertime, una società specializzata nello sviluppo di sistemi energetici industriali, utilizza un generatore ABB ad alta tensione nell’ambito di un progetto pilota, allo scopo...

Perù. Uno studio afferma che il gas naturale ha fatto risparmiare al paese 85 miliardi di euro

Secondo il nuovo studio condotto da Macroconsult, tra il 2004 e il 2020, il progetto Camisea ha fatto risparmiare al Perù 85 miliardi di...

Colombia. Saranno necessari 1,4 miliardi di euro per rafforzare la rete di gasdotti

L’associazione colombiana dei produttori di gas naturale ha identificato 127 progetti di questo importante settore in Colombia, che implicherà un investimento di 2,4 miliardi...

Tennessee Gas Pipeline annuncia un piano per ridurre le emissioni di metano

La compagnia statunitense Tennessee Gas Pipeline (TGP), una sussidiaria di Kinder Morgan, e Southwestern Energy (SWN) hanno annunciato l'avvio di un accordo per ridurre...

Dopo aver già ottenuto nell’ottobre 2019 circa 200 milioni di euro in crediti a breve termine da una serie di banche, ora Bulgartransgaz, la compagnia di stato della Bulgaria che gestisce la rete nazionale dei gasdotti, è alla ricerca di altri 450 milioni di euro, anch’essi destinati a finanziare il Balkan Stream.

La nuova pipeline già in fase di costruzione, che ha un costo complessivo di circa 1,1 miliardi di euro e dovrebbe entrare in funzione entro la fine di quest’anno, metterà in collegamento il confine meridionale tra Bulgaria e Turchia con quello occidentale tra la stessa Bulgaria e la Serbia. Il suo scopo sarà quello di trasportare il gas russo in arrivo con il TurkStream, costituendo un’ideale prosecuzione di quest’ultima infrastruttura energetica che consentirà a Mosca di far arrivare il suo metano in Bulgaria, in Serbia e, da lì, anche in Ungheria.

Bulgartransgaz ha una serie di scadenze a breve termine: secondo quanto comunicato dalla stessa azienda e riportato dall’agenzia Reuters, infatti, la corporation statale bulgara deve pagare la compagnia saudita Arkad, a cui è stata appaltata la costruzione del Balkan Stream, e anche una società bulgara che fornirà e installerà due stazioni di compressione del gas lungo il percorso della pipeline.

Le banche che dovessero essere interessate a prendere parte a questa seconda tranche di finanziamento, costituita da prestiti a 6 anni con un interesse del 3,9%, potranno sottoporre a Bulgartransgaz le loro offerte entro la fine del mese prossimo.

Latest article

Enertime utilizza un generatore ABB per aumentare l’efficienza energetica nei gasdotti

Enertime, una società specializzata nello sviluppo di sistemi energetici industriali, utilizza un generatore ABB ad alta tensione nell’ambito di un progetto pilota, allo scopo...

Perù. Uno studio afferma che il gas naturale ha fatto risparmiare al paese 85 miliardi di euro

Secondo il nuovo studio condotto da Macroconsult, tra il 2004 e il 2020, il progetto Camisea ha fatto risparmiare al Perù 85 miliardi di...

Colombia. Saranno necessari 1,4 miliardi di euro per rafforzare la rete di gasdotti

L’associazione colombiana dei produttori di gas naturale ha identificato 127 progetti di questo importante settore in Colombia, che implicherà un investimento di 2,4 miliardi...

Tennessee Gas Pipeline annuncia un piano per ridurre le emissioni di metano

La compagnia statunitense Tennessee Gas Pipeline (TGP), una sussidiaria di Kinder Morgan, e Southwestern Energy (SWN) hanno annunciato l'avvio di un accordo per ridurre...

Le comunità autoctone non sono d’accordo con la revisione del permesso dell’oleodotto Dakota Access

Le comunità autoctone dei Sioux di Standing Rock, hanno affermato al Corpo degli ingegneri dell'esercito degli Stati Uniti, che lo studio ambientale sull'oleodotto Dakota...