• Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

giovedì, Marzo 4, 2021

LA BULGARIA CERCA FONDI PER FINANZIARE IL BALKAN STREAM

Must read

Scorte di gas europee ai minimi: la corsa a ricostituirle durante l’estate spingerà al rialzo il prezzo del metano

L’Europa si avvia a concludere la stagione invernale, che si chiude convenzionalmente alla fine di marzo, con riserve di gas ridotte ai minimi storici....

Total pronta a costruire un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari tra Uganda e Tanzania

Il Governo dell’Uganda ha annunciato che i lavori di costruzione di un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari che raggiungerà il vicino Stato...

Il Qatar investirà 60 milioni di dollari nella realizzazione di una nuova pipeline tra Israele e Gaza

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, il Ministero degli Esteri del Qatar ha annunciato ufficialmente l’intenzione di investire 60 milioni di dollari nel...

Tesmec: il calo del 2020 (causa Covid) rispetta le attese, portafoglio ordini in crescita

Il gruppo italiano Tesmec leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di...

Dopo aver già ottenuto nell’ottobre 2019 circa 200 milioni di euro in crediti a breve termine da una serie di banche, ora Bulgartransgaz, la compagnia di stato della Bulgaria che gestisce la rete nazionale dei gasdotti, è alla ricerca di altri 450 milioni di euro, anch’essi destinati a finanziare il Balkan Stream.

La nuova pipeline già in fase di costruzione, che ha un costo complessivo di circa 1,1 miliardi di euro e dovrebbe entrare in funzione entro la fine di quest’anno, metterà in collegamento il confine meridionale tra Bulgaria e Turchia con quello occidentale tra la stessa Bulgaria e la Serbia. Il suo scopo sarà quello di trasportare il gas russo in arrivo con il TurkStream, costituendo un’ideale prosecuzione di quest’ultima infrastruttura energetica che consentirà a Mosca di far arrivare il suo metano in Bulgaria, in Serbia e, da lì, anche in Ungheria.

Bulgartransgaz ha una serie di scadenze a breve termine: secondo quanto comunicato dalla stessa azienda e riportato dall’agenzia Reuters, infatti, la corporation statale bulgara deve pagare la compagnia saudita Arkad, a cui è stata appaltata la costruzione del Balkan Stream, e anche una società bulgara che fornirà e installerà due stazioni di compressione del gas lungo il percorso della pipeline.

Le banche che dovessero essere interessate a prendere parte a questa seconda tranche di finanziamento, costituita da prestiti a 6 anni con un interesse del 3,9%, potranno sottoporre a Bulgartransgaz le loro offerte entro la fine del mese prossimo.

Latest article

Scorte di gas europee ai minimi: la corsa a ricostituirle durante l’estate spingerà al rialzo il prezzo del metano

L’Europa si avvia a concludere la stagione invernale, che si chiude convenzionalmente alla fine di marzo, con riserve di gas ridotte ai minimi storici....

Total pronta a costruire un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari tra Uganda e Tanzania

Il Governo dell’Uganda ha annunciato che i lavori di costruzione di un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari che raggiungerà il vicino Stato...

Il Qatar investirà 60 milioni di dollari nella realizzazione di una nuova pipeline tra Israele e Gaza

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, il Ministero degli Esteri del Qatar ha annunciato ufficialmente l’intenzione di investire 60 milioni di dollari nel...

Tesmec: il calo del 2020 (causa Covid) rispetta le attese, portafoglio ordini in crescita

Il gruppo italiano Tesmec leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di...

La Germania sta già studiando il ‘phase out’ del gas naturale dal settore del riscaldamento

La Germania dovrà prepararsi a dire addio al gas naturale per il riscaldamento molto presto, già entro pochi anni. Ne è convinto il Ministro tedesco...