Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

domenica, Novembre 29, 2020

LA BULGARIA CERCA FONDI PER FINANZIARE IL BALKAN STREAM

Must read

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...

LA RETE DI ITALGAS SARÀ COMPLETAMENTE DIGITALIZZATA ENTRO IL 2022

Entro il 2022 la rete di condotte gestita da Italgas sarà completamente digitalizzata, e quindi pronta per ricevere e gestire qualsiasi tipo di gas. Lo ha dichiarato...

Dopo aver già ottenuto nell’ottobre 2019 circa 200 milioni di euro in crediti a breve termine da una serie di banche, ora Bulgartransgaz, la compagnia di stato della Bulgaria che gestisce la rete nazionale dei gasdotti, è alla ricerca di altri 450 milioni di euro, anch’essi destinati a finanziare il Balkan Stream.

La nuova pipeline già in fase di costruzione, che ha un costo complessivo di circa 1,1 miliardi di euro e dovrebbe entrare in funzione entro la fine di quest’anno, metterà in collegamento il confine meridionale tra Bulgaria e Turchia con quello occidentale tra la stessa Bulgaria e la Serbia. Il suo scopo sarà quello di trasportare il gas russo in arrivo con il TurkStream, costituendo un’ideale prosecuzione di quest’ultima infrastruttura energetica che consentirà a Mosca di far arrivare il suo metano in Bulgaria, in Serbia e, da lì, anche in Ungheria.

Bulgartransgaz ha una serie di scadenze a breve termine: secondo quanto comunicato dalla stessa azienda e riportato dall’agenzia Reuters, infatti, la corporation statale bulgara deve pagare la compagnia saudita Arkad, a cui è stata appaltata la costruzione del Balkan Stream, e anche una società bulgara che fornirà e installerà due stazioni di compressione del gas lungo il percorso della pipeline.

Le banche che dovessero essere interessate a prendere parte a questa seconda tranche di finanziamento, costituita da prestiti a 6 anni con un interesse del 3,9%, potranno sottoporre a Bulgartransgaz le loro offerte entro la fine del mese prossimo.

Latest article

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...

LA RETE DI ITALGAS SARÀ COMPLETAMENTE DIGITALIZZATA ENTRO IL 2022

Entro il 2022 la rete di condotte gestita da Italgas sarà completamente digitalizzata, e quindi pronta per ricevere e gestire qualsiasi tipo di gas. Lo ha dichiarato...

COMPLETATO IL GASDOTTO CALLAHAN NEL NORD-EST DELLA FLORIDA

La società formata da Chesapeake Utilities e TECO Peoples Gas ha completato la costruzione del gasdotto Callahan, infrastruttura lunga 44 chilometri finalizzata ad ampliare il servizio...