• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4
  • Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4
  • Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

mercoledì, Aprile 14, 2021

Snam chiude il 2020 con fatturato e utili in crescita, nonostante la pandemia

Must read

Total e CNOOC firmano per costruire un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari tra Uganda e Tanzania

Dopo l’annuncio dello scorso febbraio da parte del Governo dell’Uganda riguardo al nuovo progetto per un oleodotto che dovrebbe collegare il Paese con la...

L’italiana Isolfin realizzerà la stazione di compressione del nuovo gasdotto Baltic Pipe in Danimarca

Sarà l’azienda italiana Isolfin a costruite la stazione di compressione del nuovo gasdotto Baltic Pipe in Danimarca. E’ stata la stessa società, basata a Genova,...

Fondi americani e cinesi in corsa per rilevare il 49% della rete di oleodotti di Saudi Aramco

Il colosso petrolifero statale dell'Arabia Saudita, Saudi Aramco, sarebbe in trattative ormai avanzate per cedere, ad una cifra compresa tra i 10 e i...

McConnell Dowell accelera nel completamento del suo progetto in Nuova Zelanda.

Il progetto Hinehōaka per la riqualificazione delle acque nella St. Marys Bay, ha visto la realizzazione di oltre un chilometro di micro-tunnel in meno...

Riduzione dei costi e apporto positivo dei nuovi business hanno consentito a Snam di attraversare indenne l’anno della pandemia, il 2020, che anzi si è concluso con performance economiche in aumento.

Il gruppo di San Donato Milanese ha infatti totalizzato lo scorso anno ricavi pari a 2,77 miliardi di euro, registrando un +6,3% rispetto al 2019. Particolare slancio hanno registrato i nuovi business legati alla transizione energetica, il cui fatturato è passato dagli 85 milioni di euro del 2019 ai 192 milioni del 2020.

Sostanzialmente stabile (+1,3%) l’EBITDA adjusted a quota 2,19 miliardi, mentre il risultato netto adjusted è aumentato del 6,5% arrivando a 1,16 miliardi di euro, anche a fronte – spiega Snam – dei maggiori proventi da partecipazioni e della significativa riduzione degli oneri finanziari netti.

Nel corso del 2020 gli investimenti tecnici sono cresciuti del 23,5% a 1,18 miliardi di euro e parallelamente è anche aumentato l’indebitamento finanziario netto che al 31 dicembre 2020 ammontata a 12,88 miliardi (erano 11,9 miliardi al 31 dicembre 2019) a seguito della realizzazione del piano di investimenti, delle acquisizioni effettuate nell’esercizio e dello share buyback (riacquisto di azioni proprie).

“In un anno di difficoltà e incertezze a causa della pandemia, Snam ha dimostrato il proprio ruolo essenziale nel garantire la sicurezza degli approvvigionamenti energetici e la capacità di realizzare i progetti nei tempi previsti, insieme all’impegno nei confronti della comunità e dei territori. I positivi risultati ottenuti nel 2020 sono frutto di una strategia di lungo periodo intrapresa negli ultimi anni e beneficiano della solidità del core business, della crescita delle nuove attività nella transizione energetica e della continua attenzione ai costi” ha commentato il CEO del gruppo Marco Alverà.

“Abbiamo aumentato gli investimenti di oltre il 20%, recuperando tutti i ritardi nei lavori dovuti al lockdown e completando progetti importanti come il TAP. Inoltre abbiamo ulteriormente rafforzato il nostro posizionamento nella transizione energetica grazie a nuove acquisizioni e a nuovi progetti nel biometano, nell’efficienza energetica e soprattutto nell’idrogeno. Nel contempo, l’ingresso negli Emirati Arabi e i primi accordi siglati in India consentono a Snam di essere sempre più proiettata nei mercati internazionali”.

A livello operativo, nel corso del 2020 sono stati immessi nella rete 69,97 miliardi di metri cubi di gas, una riduzione di 5,40 miliardi di metri cubi rispetto al 2019 (-7,2%) attribuibile al calo della domanda gas, che si è attestata a 71,30 miliardi di metri cubi (-3,18 miliardi di metri cubi; -4,3%) a causa della riduzione dei prelievi in tutti i settori di consumo. Per quanto riguarda il GNL, lo scorso anno il terminal di Panigalia ha rigassificato 2,52 miliardi di m3 di gas liquefatto (2,40 miliardi di m3 nel 2019; +5%), mentre a livello di stoccaggio la capacità complessiva delle strutture gestite da Snam è rimasta invariata su base annua a 17,0 miliardi di metri cubi, e i volumi movimentati nel sistema sono stati pari a 19,60 miliardi di metri cubi, in aumento di 0,27 miliardi di metri cubi (+1,4%), rispetto all’esercizio 2019.

Nella sua relazione Snam ha poi delineato i futuri scenari di evoluzione del proprio business, ricordando che le infrastrutture gestite saranno “un fattore abilitante per la transizione energetica e consentiranno all’azienda di contribuire alla riduzione delle emissioni per il sistema. La prospettiva, al 2050, è di trasportare gas interamente decarbonizzato e rendere l’Italia un hub europeo dell’idrogeno”.

In aggiunta, Snam è impegnata “nel costruire posizioni di mercato lungo le catene del valore sia dell’idrogeno che del biometano e nel contribuire alla transizione energetica anche fornendo servizi di efficienza energetica ai settori residenziale, industriale e della pubblica amministrazione, nonché promuovendo la mobilità sostenibile”.

Latest article

Total e CNOOC firmano per costruire un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari tra Uganda e Tanzania

Dopo l’annuncio dello scorso febbraio da parte del Governo dell’Uganda riguardo al nuovo progetto per un oleodotto che dovrebbe collegare il Paese con la...

L’italiana Isolfin realizzerà la stazione di compressione del nuovo gasdotto Baltic Pipe in Danimarca

Sarà l’azienda italiana Isolfin a costruite la stazione di compressione del nuovo gasdotto Baltic Pipe in Danimarca. E’ stata la stessa società, basata a Genova,...

Fondi americani e cinesi in corsa per rilevare il 49% della rete di oleodotti di Saudi Aramco

Il colosso petrolifero statale dell'Arabia Saudita, Saudi Aramco, sarebbe in trattative ormai avanzate per cedere, ad una cifra compresa tra i 10 e i...

McConnell Dowell accelera nel completamento del suo progetto in Nuova Zelanda.

Il progetto Hinehōaka per la riqualificazione delle acque nella St. Marys Bay, ha visto la realizzazione di oltre un chilometro di micro-tunnel in meno...

Italgas si rafforza in Valle d’Aosta rilevando 150 Km di rete dal Gruppo Energetica

Italgas ha annunciato una nuova operazione finalizzata al consolidamento della propria presenza in Valle d’Aosta: il gruppo ha infatti definito con Energie Rete Gas,...