Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

sabato, Dicembre 5, 2020

TAP: SAIPEM HA COMPLETATO LA POSA DELLA SEZIONE OFFSHORE TRA ITALIA E ALBANIA

Must read

In funzione il tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, diramazione del Power of Siberia che arriverà fino a Shanghai

E’ stato immesso il ‘first gas’ nel tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, nuovo gasdotto in fase di costruzione che, alimentandosi dal Power of...

Enbridge Energy ottiene il via libera dallo stato del Minnesota per l’upgrade dell’oleodotto Line 3

Le competenti autorità dello stato americano del Minnesota, e in particolare la Minnesota Pollution Control Agency, nei giorni scorsi hanno dato il loro ‘via...

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

Trans Adriatic Pipeline (TAP) AG ha completato con successo la costruzione dei 105 km della sezione offshore del gasdotto attraverso il Mare Adriatico, avvenuta con l’installazione offshore di tubi da 36 pollici da parte di Castoro Sei, la nave semisommergibile posatubi di Saipem, il collegamento “fuori acqua” con la sezione precedentemente posata in prossimità della costa albanese, nonché il test idraulico della condotta che ne ha verificato la sicurezza e l’efficienza in vista dell’avvio della fase operativa.

Le attività per collegare le coste italiana e albanese sono iniziate a metà gennaio 2020, con i tubi saldati e testati a bordo di Castoro Sei e poi posati in continuo sul fondo del mare Adriatico a partire dalle coste italiane verso l’Albania.

A fronte della pandemia da Covid 19 in atto, TAP e Saipem – si legge in una nota – hanno implementato una vasta gamma di rigorose misure sanitarie e organizzative, al fine di proteggere la salute e la sicurezza di tutti i lavoratori coinvolti.

Per Luca Schieppati, Managing Director di TAP, “il completamento della sezione offshore del gasdotto è un’altra pietra miliare sulla strada del completamento del nostro progetto. Una volta operativo, TAP porterà in Europa una nuova fonte di gas naturale, supportando la decarbonizzazione, la sicurezza energetica e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento. Sono orgoglioso che queste attivita’ tecnicamente complesse siano state condotte in linea con i più alti standard di salute e sicurezza”.

John Haynes, direttore del progetto TAP, ha aggiunto: “Questi sono tempi senza precedenti per tutti e l’industria dell’energia è impegnata in un delicato atto di bilanciamento: gestire le operazioni sul campo con estrema cura, continuando nel contempo a fornire l’energia necessaria per le nostre case e imprese. Il progetto TAP è ora completo per oltre il 95% e non vediamo l’ora di tagliare il traguardo entro la fine di quest’anno”.

Circa 9.000 tubi del diametro di 36 pollici sono stati usati per la sezione offshore di TAP, per un peso totale di circa 100.000 tonnellate. Le tubature sono state posate sul fondo del mare Adriatico: 25 km nelle acque territoriali italiane, 43 km nelle acque internazionali e 37 km nelle acque territoriali albanesi. Il punto più profondo della condotta è a circa 810 metri sotto il livello del mare. Il Castoro Sei di Saipem ha posato una media di 1,2 km di tubi al giorno, raggiungendo un picco di 2,8 km in un solo giorno.

Latest article

In funzione il tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, diramazione del Power of Siberia che arriverà fino a Shanghai

E’ stato immesso il ‘first gas’ nel tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, nuovo gasdotto in fase di costruzione che, alimentandosi dal Power of...

Enbridge Energy ottiene il via libera dallo stato del Minnesota per l’upgrade dell’oleodotto Line 3

Le competenti autorità dello stato americano del Minnesota, e in particolare la Minnesota Pollution Control Agency, nei giorni scorsi hanno dato il loro ‘via...

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...