• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

lunedì, Maggio 10, 2021

Chevron investirà 235 milioni di dollari per costruire un nuovo gasdotto tra Israele ed Egitto

Must read

Conflitto tra Canada e Stati Uniti per il vecchio oleodotto dei Grandi Laghi

La compagnia canadese Enbridge continuerà a gestire il servizio dell’oleodotto numero 5, nonostante l'ordine promulgato da parte dello stato del Michigan di chiudere le...

Brasile investe 123 milioni di euro per ampliare la rete di gasdotti a Manaus

La compagnia Cigas ha iniziato i lavori di costruzione con l'obiettivo di espandere la rete di distribuzione del gas naturale (RDGN) nella città di...

Argentina accelera la costruzione del gasdotto con il Brasile

L'Argentina continua i negoziati con il Brasile per la costruzione del nuovo gasdotto che collegherà il giacimento di shale gas di Vaca Muerta alla...

Nova Gas Transmission ottiene si espande verso il nord del Canada

La compagnia Nova Gas Transmission, controllata di TC Energy Corp, ha ricevuto l'approvazione dal governo canadese per costruire l’espansione del gasdotto del nord (NCSE)...

La major americana Chevron, insieme ad altri partner, investirà 235 milioni di dollari per realizzare una nuova rete di gasdotti destinati a trasportare il metano estratto dai maxi-giacimenti offshore di Israele fino al confine con l’Egitto.

A rivelarlo è l’agenzia Bloomberg, secondo cui i soci dei due principali giacimenti, il Leviathan e il Tamar (tra cui c’è la stessa Chevron, che ha ricevuto in dote quote di entrambi quando ha rilevato la connazionale Noble Energy) hanno siglato un accordo in base al quale Israel Natural Gas Lines è stata incaricata di posare nuove pipeline ed espandere alcune di quelle esistenti. In particolare verranno realizzate nuove condotte che partiranno dalle città costiere israeliane di Ashdod e Ashkelon per arrivare fino al confine con la striscia di Gaza. Grazie a questa nuova infrastruttura e alle altre linee già attive, i partner del progetto stimano di poter consegnare in Egitto 7 miliardi di metri cubi di gas all’anno.

Il costo del nuovo gasdotto sarà di circa 228 milioni di dollari, mentre il potenziamento delle condotte esistenti richiederà circa 7 milioni di dollari, per un investimento totale stimato in 235 milioni, il 56% dei quali verranno erogati direttamente dalle major coinvolte, mentre la parte restate sarà sostenuta da Israel Natural Gas Lines.

Da parte sue l’Egitto intende esportare verso l’Europa sia il gas in arrivo da Israele sia quello estratto dal suo maxi-giacimento offshore Zohr (scoperto e operato dall’Eni), informa di GNL.

Latest article

Conflitto tra Canada e Stati Uniti per il vecchio oleodotto dei Grandi Laghi

La compagnia canadese Enbridge continuerà a gestire il servizio dell’oleodotto numero 5, nonostante l'ordine promulgato da parte dello stato del Michigan di chiudere le...

Brasile investe 123 milioni di euro per ampliare la rete di gasdotti a Manaus

La compagnia Cigas ha iniziato i lavori di costruzione con l'obiettivo di espandere la rete di distribuzione del gas naturale (RDGN) nella città di...

Argentina accelera la costruzione del gasdotto con il Brasile

L'Argentina continua i negoziati con il Brasile per la costruzione del nuovo gasdotto che collegherà il giacimento di shale gas di Vaca Muerta alla...

Nova Gas Transmission ottiene si espande verso il nord del Canada

La compagnia Nova Gas Transmission, controllata di TC Energy Corp, ha ricevuto l'approvazione dal governo canadese per costruire l’espansione del gasdotto del nord (NCSE)...

Il nuovo gasdotto di Cuxtal rafforzerà l’economia dello Yucatan

Il nuovo gasdotto messicano garantirà un volume di gas naturale sufficiente per alimentare gli attuali impianti termoelettrici e altri due che si costruiranno prima...