Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

domenica, Novembre 29, 2020

DIPENDENZA ENERGETICA: NEL 2019 L’IMPORT DI GAS RUSSO DELL’UE E’ AUMENTATO DEL 10%

Must read

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...

LA RETE DI ITALGAS SARÀ COMPLETAMENTE DIGITALIZZATA ENTRO IL 2022

Entro il 2022 la rete di condotte gestita da Italgas sarà completamente digitalizzata, e quindi pronta per ricevere e gestire qualsiasi tipo di gas. Lo ha dichiarato...

Nonostante i tentativi di arginarne la portata, per il momento la dipendenza energetica europea dalla Russia sta continuando ad aumentare, quantomeno per ciò che riguarda le importazioni di gas.

Il flusso di metano russo in arrivo nel Vecchio Continente, infatti, nel corso del 2019 è aumentato del 10% rispetto all’anno precedente, raggiungendo la quota record di 200 bcm (miliardi di metri cubi).

A scriverlo, sul proprio profilo Linkedin, è Greg Molnar, Gas Analyst dell’International Energy Agency (IEA), che sottolinea anche come Gazprom sia stato l’unico fornitore di gas via pipeline dell’Europa ad aver incrementato i volumi esportati: le consegne provenienti dalla Norvegia sono infatti diminuite del 6,3%, mentre quelle effettuate dalla corporation statale algerina Sonatrac sono quasi dimezzate, calando del 40%.

Nel complesso – scrive l’analista dell’IEA nel suo post – Gazprom ha registrato una crescita delle esportazioni di gas pari al 3%, nonostante una diminuzione dei contratti a lungo termine, ma la corporation controllata dal Governo di Mosca è riuscita ad incrementare le sue vendite nei confronti di Paesi dell’UE grazie alle aste negli hub energetici europei (consegnati 15,9 bcm) e tramite vendite dirette su base spot (5,78 bcm nei primi 9 mesi dell’anno).

Parallelamente, nota poi Molnar, è cresciuto nel corso del 2019 il contributo del GNL all’import complessivo di gas del Vecchio Continente, avendo raggiunto il livello record i 100 bcm. Anche in questo caso, però, è la Russia ad emergere: lo scorso anno sono arrivato in Europa quasi 20 bcm di gas naturale liquefatto salpati via nave dal terminal per l’export di Yamal, in Siberia. Cifra che ha consentito alla Russia di diventare il secondo fornitore di GNL dell’UE, dietro solo al Qatar.

Latest article

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...

LA RETE DI ITALGAS SARÀ COMPLETAMENTE DIGITALIZZATA ENTRO IL 2022

Entro il 2022 la rete di condotte gestita da Italgas sarà completamente digitalizzata, e quindi pronta per ricevere e gestire qualsiasi tipo di gas. Lo ha dichiarato...

COMPLETATO IL GASDOTTO CALLAHAN NEL NORD-EST DELLA FLORIDA

La società formata da Chesapeake Utilities e TECO Peoples Gas ha completato la costruzione del gasdotto Callahan, infrastruttura lunga 44 chilometri finalizzata ad ampliare il servizio...