• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

lunedì, Settembre 27, 2021

DIPENDENZA ENERGETICA: NEL 2019 L’IMPORT DI GAS RUSSO DELL’UE E’ AUMENTATO DEL 10%

Must read

Enertime utilizza un generatore ABB per aumentare l’efficienza energetica nei gasdotti

Enertime, una società specializzata nello sviluppo di sistemi energetici industriali, utilizza un generatore ABB ad alta tensione nell’ambito di un progetto pilota, allo scopo...

Perù. Uno studio afferma che il gas naturale ha fatto risparmiare al paese 85 miliardi di euro

Secondo il nuovo studio condotto da Macroconsult, tra il 2004 e il 2020, il progetto Camisea ha fatto risparmiare al Perù 85 miliardi di...

Colombia. Saranno necessari 1,4 miliardi di euro per rafforzare la rete di gasdotti

L’associazione colombiana dei produttori di gas naturale ha identificato 127 progetti di questo importante settore in Colombia, che implicherà un investimento di 2,4 miliardi...

Tennessee Gas Pipeline annuncia un piano per ridurre le emissioni di metano

La compagnia statunitense Tennessee Gas Pipeline (TGP), una sussidiaria di Kinder Morgan, e Southwestern Energy (SWN) hanno annunciato l'avvio di un accordo per ridurre...

Nonostante i tentativi di arginarne la portata, per il momento la dipendenza energetica europea dalla Russia sta continuando ad aumentare, quantomeno per ciò che riguarda le importazioni di gas.

Il flusso di metano russo in arrivo nel Vecchio Continente, infatti, nel corso del 2019 è aumentato del 10% rispetto all’anno precedente, raggiungendo la quota record di 200 bcm (miliardi di metri cubi).

A scriverlo, sul proprio profilo Linkedin, è Greg Molnar, Gas Analyst dell’International Energy Agency (IEA), che sottolinea anche come Gazprom sia stato l’unico fornitore di gas via pipeline dell’Europa ad aver incrementato i volumi esportati: le consegne provenienti dalla Norvegia sono infatti diminuite del 6,3%, mentre quelle effettuate dalla corporation statale algerina Sonatrac sono quasi dimezzate, calando del 40%.

Nel complesso – scrive l’analista dell’IEA nel suo post – Gazprom ha registrato una crescita delle esportazioni di gas pari al 3%, nonostante una diminuzione dei contratti a lungo termine, ma la corporation controllata dal Governo di Mosca è riuscita ad incrementare le sue vendite nei confronti di Paesi dell’UE grazie alle aste negli hub energetici europei (consegnati 15,9 bcm) e tramite vendite dirette su base spot (5,78 bcm nei primi 9 mesi dell’anno).

Parallelamente, nota poi Molnar, è cresciuto nel corso del 2019 il contributo del GNL all’import complessivo di gas del Vecchio Continente, avendo raggiunto il livello record i 100 bcm. Anche in questo caso, però, è la Russia ad emergere: lo scorso anno sono arrivato in Europa quasi 20 bcm di gas naturale liquefatto salpati via nave dal terminal per l’export di Yamal, in Siberia. Cifra che ha consentito alla Russia di diventare il secondo fornitore di GNL dell’UE, dietro solo al Qatar.

Latest article

Enertime utilizza un generatore ABB per aumentare l’efficienza energetica nei gasdotti

Enertime, una società specializzata nello sviluppo di sistemi energetici industriali, utilizza un generatore ABB ad alta tensione nell’ambito di un progetto pilota, allo scopo...

Perù. Uno studio afferma che il gas naturale ha fatto risparmiare al paese 85 miliardi di euro

Secondo il nuovo studio condotto da Macroconsult, tra il 2004 e il 2020, il progetto Camisea ha fatto risparmiare al Perù 85 miliardi di...

Colombia. Saranno necessari 1,4 miliardi di euro per rafforzare la rete di gasdotti

L’associazione colombiana dei produttori di gas naturale ha identificato 127 progetti di questo importante settore in Colombia, che implicherà un investimento di 2,4 miliardi...

Tennessee Gas Pipeline annuncia un piano per ridurre le emissioni di metano

La compagnia statunitense Tennessee Gas Pipeline (TGP), una sussidiaria di Kinder Morgan, e Southwestern Energy (SWN) hanno annunciato l'avvio di un accordo per ridurre...

Le comunità autoctone non sono d’accordo con la revisione del permesso dell’oleodotto Dakota Access

Le comunità autoctone dei Sioux di Standing Rock, hanno affermato al Corpo degli ingegneri dell'esercito degli Stati Uniti, che lo studio ambientale sull'oleodotto Dakota...