Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

lunedì, Novembre 30, 2020

GIORDANIA: IL PARLAMENTO PROVA ED IMPEDIRE PER LEGGE L’IMPORT DI GAS DA ISRAELE

Must read

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...

LA RETE DI ITALGAS SARÀ COMPLETAMENTE DIGITALIZZATA ENTRO IL 2022

Entro il 2022 la rete di condotte gestita da Italgas sarà completamente digitalizzata, e quindi pronta per ricevere e gestire qualsiasi tipo di gas. Lo ha dichiarato...

Il Parlamento della Giordania, sabato scorso, ha approvato un disegno di legge che – se entrasse in vigore – proibirebbe al Paese mediorientale di importare gas naturale da Israele, bloccando un accordo di fornitura di lungo termine entrato in vigore all’inizio dell’anno.

A riferirlo è il network di news arabo Al Jazeera, secondo cui comunque il provvedimento non avrebbe grandi possibilità di diventare esecutivo, perché ci sono una serie di ostacoli legali e anche perché il via libera definitivo spetta al Governo, che in passato ha già pubblicamente ribadito la necessità, e l’utilità per il Paese, del gas di proveniente israeliana.

Il deal in questione risale al 2016, quando l’azienda di Stato giordana Jordanian National Electric Power Company aveva firmato, con un consorzio israelo-statunitense, guidato dalla texana Noble Energy, un contratto di fornitura della durata di 15 anni, per un controvalore di 10 miliardi di dollari, per rifornire le centrali elettriche del Paese.

L’entrata in vigore di questo accordo è scattata a gennaio 2020, scatenando il malcontento di una parte della popolazione culminato con una serie di proteste di piazza in cui i manifestanti scandivano slogan contro “il gas del nemico”.

La Giordania, sullo scacchiere internazionale, è un alleato degli Stati Uniti e ha in vigore un trattato di pace con Israele, ma molti cittadini giordani sono discendenti di profughi palestinesi scappati dalla loro terre dopo la proclamazione dello Stato ebraico, e quindi il sentimento popolare diffuso è spesso negativo rispetto al ‘vicino di casa’.

Un’inclinazione raccolta dai 130 parlamentari di Amman, che sabato scorso hanno votato all’unanimità il disegno di legge che vieterebbe l’import di gas israeliano, un risorsa che tuttavia l’esecutivo locale (che ha l’ultima parola) ritiene indispensabile per rafforzare la sicurezza degli approvvigionamenti e ridurre anche di ben 500 milioni di dollari all’anno il peso della ‘bolletta’ energetica nazionale.

Latest article

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...

LA RETE DI ITALGAS SARÀ COMPLETAMENTE DIGITALIZZATA ENTRO IL 2022

Entro il 2022 la rete di condotte gestita da Italgas sarà completamente digitalizzata, e quindi pronta per ricevere e gestire qualsiasi tipo di gas. Lo ha dichiarato...

COMPLETATO IL GASDOTTO CALLAHAN NEL NORD-EST DELLA FLORIDA

La società formata da Chesapeake Utilities e TECO Peoples Gas ha completato la costruzione del gasdotto Callahan, infrastruttura lunga 44 chilometri finalizzata ad ampliare il servizio...