• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

giovedì, Luglio 29, 2021

Fondi americani e cinesi in corsa per rilevare il 49% della rete di oleodotti di Saudi Aramco

Must read

Gazprom paga 349 milioni di euro per aumentare la capacità di trasporto del gasdotto TurkStream

Secondo quanto riportato dall’operatore Bulgartransgaz, Gazprom ha recentemente accettato il pagamento anticipato di 349 milioni di euro per permettere l’aumento della capacità di trasporto...

Le importazioni di gas naturale dal Messico dagli Stati Uniti sono state il 76% della fornitura a giugno

In base all’ultimo rapporto informativo della EIA, in giugno le esportazioni di gas naturale dagli Stati Uniti al Messico attraverso i gasdotti hanno superato...

Stati Uniti. Spire STL cerca il sostegno del governo per evitare interruzioni di gas in inverno

La compagnia Spire STL Pipeline ha presentato una richiesta di appoggio al governo allo scopo di garantire il servizio del gasdotto STL prima di...

Inter Pipeline si allontana dall’accordo con Pembina

L'operatore canadese di gasdotti Inter Pipeline ha deciso di declinare la sua proposta di 5,6 miliardi di euro con la rivale Pembina Pipeline Corp,...

Il colosso petrolifero statale dell’Arabia Saudita, Saudi Aramco, sarebbe in trattative ormai avanzate per cedere, ad una cifra compresa tra i 10 e i 15 miliardi di dollari, il 49% del suo business relativo alla gestione degli oleodotti. In pole-position per rivelare la metà dell’ingente ‘patrimonio’ di pipeline del Paese arabo ci sarebbe un consorzio costituito principalmente da investitori americani e cinesi.

A riportarlo, tra gli altri, è l’Wall Street Journal, secondo cui della cordata farebbero parte i fondi d’investimento americani Apollo Global Management e EIG Global Energy Partners (doveva esserci anche il ‘colosso’ finanziario BalckRock, ma secondo la Reuters si sarebbe sfilato all’ultimo minuto), i fondi infrastrutturali cinesi Silk Road Fund e China Reform Fund Management, un fondo di private equity privato anch’esso cinese e alcuni fondi pensione sauditi.

Questo maxi-deal – secondo l’Wall Street Journal – sarebbe stato impensabile fino a pochi anni fa, alla luce della ‘gelosia’ con cui il Governo di Riad custodiva i propri asset petroliferi, considerati strategici per la sicurezza della nazione. Un atteggiamento radicalmente mutato con l’avvento al potere del Principe Mohammed bin Salman, convinto della necessità di aprire il regno ai capitali stranieri e tra i promotori dell’IPO della stessa Saudi Aramco.

Secondo le fonti riservate sentite dal quotidiano finanziario americano, il soggetto prescelto a valle della procedura costituirà con Aramco una joint-venture 51-49 (soluzione che consente a Riad di mantenere il controllo anche operativo), cui lo stesso gruppo petrolifero affiderà poi l’incarico di trasportare il petrolio all’interno del network nazionale di pipeline.

Latest article

Gazprom paga 349 milioni di euro per aumentare la capacità di trasporto del gasdotto TurkStream

Secondo quanto riportato dall’operatore Bulgartransgaz, Gazprom ha recentemente accettato il pagamento anticipato di 349 milioni di euro per permettere l’aumento della capacità di trasporto...

Le importazioni di gas naturale dal Messico dagli Stati Uniti sono state il 76% della fornitura a giugno

In base all’ultimo rapporto informativo della EIA, in giugno le esportazioni di gas naturale dagli Stati Uniti al Messico attraverso i gasdotti hanno superato...

Stati Uniti. Spire STL cerca il sostegno del governo per evitare interruzioni di gas in inverno

La compagnia Spire STL Pipeline ha presentato una richiesta di appoggio al governo allo scopo di garantire il servizio del gasdotto STL prima di...

Inter Pipeline si allontana dall’accordo con Pembina

L'operatore canadese di gasdotti Inter Pipeline ha deciso di declinare la sua proposta di 5,6 miliardi di euro con la rivale Pembina Pipeline Corp,...

Il gasdotto TETCO ritorna in servizio al 100% della sua capacità

L'unità Texas Eastern Transmission (TETCO), appartenente alla compagnia Enbridge Inc, ha affermato di aver fornito tutte le informazioni richieste dalle autorità federali che regolano...