Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

domenica, Dicembre 6, 2020

GASDOTTI: RUSSIA E UCRAINA ANCORA DISTANTI SUL RINNOVO DEL CONTRATTO DI TRANSITO

Must read

In funzione il tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, diramazione del Power of Siberia che arriverà fino a Shanghai

E’ stato immesso il ‘first gas’ nel tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, nuovo gasdotto in fase di costruzione che, alimentandosi dal Power of...

Enbridge Energy ottiene il via libera dallo stato del Minnesota per l’upgrade dell’oleodotto Line 3

Le competenti autorità dello stato americano del Minnesota, e in particolare la Minnesota Pollution Control Agency, nei giorni scorsi hanno dato il loro ‘via...

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

Nuovi ostacoli sul difficile percorso che dovrebbe portare Mosca e Kiev a rinnovare l’attuale contratto di transito del gas russo, che attraversa l’Ucraina via gasdotto per raggiungere il mercato europeo, in scadenza a fine anno.

I negoziati sono in corso da settimane, nel tentativo di arrivare ad un accordo in tempo utile: obbiettivo che però sembra rimanere ancora piuttosto lontano.

E’ di ieri, infatti, un’esternazione piuttosto chiara del Presidente russo Vladimir Putin che, a Sochi, sul Mar Baltico, ha dichiarato (come riporta l’agenzia di stampa Reuters) che la Russia vuole continuare a spedire il suo gas in Europa attraverso l’Ucraina, ma che le condizioni poste dal Paese vicino sono inaccettabili.

La tensione è sempre molto alta tra le due repubbliche ex-sovietiche da quando la Russia ha annesso la Crimea nel 2014, e l’ultima ragione di attrito è relativa alle tariffe chieste da Kiev per consentire il transito del gas russo nel corso del 2020, che le autorità russe giudicano troppo alte.

“Le nuove tariffe proposte dall’Ucraina sono molto alte, molto più alte di quelle che attualmente paghiamo per far passare il nostro gas nelle pipeline del Paese” aveva dichiarato alcuni giorni fa il CEO di Gazprom Alex Miller.

Giudizio poi confermato e ribadito dal Presidente Putin, ma rispedito al mittente da parte ucraina.

Con un post sul suo profilo Facebook (sempre secondo la ricostruzione della Reuters) Yuriy Vitrenko, il direttore esecutivo di Naftogaz, la compagnia nazionale del gas ucraina, ha infatti assicurato che il calcolo delle nuove tariffe è stato effettuato con la metodologia standard usata in Europa, e che “i nuovi valori sottoposti a Gazprom, che la parte russa ha recentemente commentato, sono sufficienti a coprire solo i costi dell’operatore ucraino di pipeline, e quindi non possono essere considerati troppo alti”.

E’ evidente quindi che, mentre il tempo a disposizione si accorcia progressivamente, le posizioni tra le due parte restano, almeno per il momento, decisamente distanti.

 

Latest article

In funzione il tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, diramazione del Power of Siberia che arriverà fino a Shanghai

E’ stato immesso il ‘first gas’ nel tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, nuovo gasdotto in fase di costruzione che, alimentandosi dal Power of...

Enbridge Energy ottiene il via libera dallo stato del Minnesota per l’upgrade dell’oleodotto Line 3

Le competenti autorità dello stato americano del Minnesota, e in particolare la Minnesota Pollution Control Agency, nei giorni scorsi hanno dato il loro ‘via...

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...