• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

domenica, Settembre 19, 2021

GASDOTTO EAST MED: A GENNAIO 2020 FIRMA ACCORDO TRA GRECIA, ISRAELE CIPRO

Must read

Stati Uniti. Spire Inc. ottiene più tempo per operare il Missouri St. Louis NG Pipeline

La società statunitense di gas naturale Spire Inc ha ottenuto il permesso dall’ente regolatore federale, per continuare le attività nel suo gasdotto STL del...

Brasile. Bolsonaro rilancia e vuole il gas argentino a tutti i costi

Le elezioni in Brasile sono previste per settembre del 2022, ma in realtà la campagna è già iniziata e l’argomento energia è sul tavolo. Bolsonaro...

Brasile. Il nuovo etanolodotto soddisferà l’intero fabbisogno di San Paulo

A partire da settembre, tutta la domanda di etanolo generata dalla regione metropolitana di San Paolo potrà essere soddisfatta grazie ai nuovi etanolodotti di...

Le comunità autoctone canadesi chiedono la deviazione del gasdotto di Enbridge

L’organizzazione canadese “First Nation”, istituzione che rappresenta le comunità autoctone canadesi, ha affermato di voler costringere la compagnia Enbridge Inc. a deviare il tracciato...

L’atto di nascita del nuovo gasdotto East Med (in cui sarà coinvolta anche l’italiana Edison), che dovrebbe collegare il Mediterraneo orientale con l’Europa, è stato fissato per il 2 gennaio prossimo, quando il premier greco Kyriakos Mitsotakis, il primo ministro di Israele Benjamin Netanyahu e il Presidente di Cipro Nicos Anastasiades firmeranno, ad Atene, un accordo relativo allo sviluppo di una nuova pipeline destinata a veicolare sul mercato del Vecchio Continente il gas naturale estratto al largo delle coste israeliane.

L’accordo, come ha precisato l’esecutivo ellenico, sarà però completo solo quando verrà siglato anche dall’Italia, che idealmente dovrebbe essere il punto di arrivo della nuova condotta.

Un primo passo verso la costruzione di questa infrastruttura energetica era già stato fatto lo scorso aprile, quando i governi europei e Israele avevano concordato di procedere con il progetto East Med, dandosi come orizzonte temporale il 2025 per il completamento della pipeline.

Per l’Europa, l’obbiettivo è quello di diversificare ulteriormente le fonti di approvvigionamento di gas e allentare quindi la ‘morsa’ della Russia (cosa a cui in parte potrà contribuire la prossima entrata in funzione del gasdotto TAP che porterà in Puglia, e quindi nel resto del continente, il gas naturale estratto in Azerbaijan), mentre la Grecia punta a consolidare il suo ruolo di hub per il transito di gas che dall’offshroe israeliano arriverà n tutta Europa.

E a proposito di gas naturale estratto al largo delle coste di Israele, e in particolare dal maxi-giacimento Leviathan che dovrebbe entrare in produzione in questi giorni, il ministro dell’energia di Tel Aviv Yuval Steinitz ha confermato che una quota del gas (a regime 7 miliardi di metri cubi all’anno) verrà esportata in Egitto a partire da metà gennaio prossimo.

Latest article

Stati Uniti. Spire Inc. ottiene più tempo per operare il Missouri St. Louis NG Pipeline

La società statunitense di gas naturale Spire Inc ha ottenuto il permesso dall’ente regolatore federale, per continuare le attività nel suo gasdotto STL del...

Brasile. Bolsonaro rilancia e vuole il gas argentino a tutti i costi

Le elezioni in Brasile sono previste per settembre del 2022, ma in realtà la campagna è già iniziata e l’argomento energia è sul tavolo. Bolsonaro...

Brasile. Il nuovo etanolodotto soddisferà l’intero fabbisogno di San Paulo

A partire da settembre, tutta la domanda di etanolo generata dalla regione metropolitana di San Paolo potrà essere soddisfatta grazie ai nuovi etanolodotti di...

Le comunità autoctone canadesi chiedono la deviazione del gasdotto di Enbridge

L’organizzazione canadese “First Nation”, istituzione che rappresenta le comunità autoctone canadesi, ha affermato di voler costringere la compagnia Enbridge Inc. a deviare il tracciato...

Stati Uniti. Il Colonial Pipeline riprende le attività mentre il nuovo uragano Nicholas perde forza

Il più grande oleodotto degli Stati Uniti ha ripreso le operazioni in maniera parziale, dopo aver dimostrato che l’infrastruttura ha resistito all'uragano Nicholas in...