• Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

giovedì, Marzo 4, 2021

I NATIVI AMERICANI NON BLOCCANO LA COSTRUZIONE DELL’OLEODOTTO KEYLINE XL

Must read

Scorte di gas europee ai minimi: la corsa a ricostituirle durante l’estate spingerà al rialzo il prezzo del metano

L’Europa si avvia a concludere la stagione invernale, che si chiude convenzionalmente alla fine di marzo, con riserve di gas ridotte ai minimi storici....

Total pronta a costruire un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari tra Uganda e Tanzania

Il Governo dell’Uganda ha annunciato che i lavori di costruzione di un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari che raggiungerà il vicino Stato...

Il Qatar investirà 60 milioni di dollari nella realizzazione di una nuova pipeline tra Israele e Gaza

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, il Ministero degli Esteri del Qatar ha annunciato ufficialmente l’intenzione di investire 60 milioni di dollari nel...

Tesmec: il calo del 2020 (causa Covid) rispetta le attese, portafoglio ordini in crescita

Il gruppo italiano Tesmec leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di...

La costruzione, iniziata la scorsa primavera, dell’oleodotto Keyline XL, che trasporterà shale oil canadese dalla città di Hardist, nello stato dell’Alberta, fino a Steele City, in Nebraska, potrà continuare. Almeno per il momento.

Lo ha stabilito il giudice distrettuale Judge Brian lo scorso 16 luglio, respingendo i ricorsi presentati da diverse tribù di nativi americani del Montana e del Sud Dakota, che già dal 2019 – quanto il Presidente americano Donald Trump aveva concesso il via libera definitivo all’opera (capovolgendo la decisione del suo predecessore Barak Obama che invece aveva negato i permessi) – si opponevano alla costruzione di questa pipeline, ritenendo che il suo passaggio nei rispettivi territori di appartenenza avrebbe violato i trattati sui diritti dei nativi firmati nel corso del diciannovesimo secolo.

Una tesi rigettata dal giudice che ha esaminato i ricorsi, secondo cui i nativi non hanno dimostrato in che modo effettivamente la costruzione dell’oleodotto creerebbe loro un danno irreparabile.

La decisione di questi gironi tuttavia non lascia la strada spianata alla realizzazione della Keyline XL, che in base al progetto della società promotrice TC Energy sarà lunga 1.900 chilometri, conterrà 12 stazioni di pompaggio e richiederà un investimento complessivo di 9 miliardi di dollari.

I lavori sono partiti e stanno impegnando circa 1.000 persone, ma lo scorso luglio – riporta le Reuters – la Corte Suprema ha confermato una sentenza di un Tribunale ordinario che revocava al progetto una serie di permesse relativi all’attraversamento di corsi d’acqua.

La possibilità di completare l’opera, da parte di TC Energy, per il momento resta quindi ancora sub-iudice.

Latest article

Scorte di gas europee ai minimi: la corsa a ricostituirle durante l’estate spingerà al rialzo il prezzo del metano

L’Europa si avvia a concludere la stagione invernale, che si chiude convenzionalmente alla fine di marzo, con riserve di gas ridotte ai minimi storici....

Total pronta a costruire un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari tra Uganda e Tanzania

Il Governo dell’Uganda ha annunciato che i lavori di costruzione di un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari che raggiungerà il vicino Stato...

Il Qatar investirà 60 milioni di dollari nella realizzazione di una nuova pipeline tra Israele e Gaza

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, il Ministero degli Esteri del Qatar ha annunciato ufficialmente l’intenzione di investire 60 milioni di dollari nel...

Tesmec: il calo del 2020 (causa Covid) rispetta le attese, portafoglio ordini in crescita

Il gruppo italiano Tesmec leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di...

La Germania sta già studiando il ‘phase out’ del gas naturale dal settore del riscaldamento

La Germania dovrà prepararsi a dire addio al gas naturale per il riscaldamento molto presto, già entro pochi anni. Ne è convinto il Ministro tedesco...