Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

giovedì, Dicembre 3, 2020

IN ROTTA VERSO OCCIDENTE LA POSATUBI RUSSA CHE POTREBBE COMPLETARE IL NORD STREAM 2

Must read

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

Si sta dirigendo verso occidente la Akademy Chesrskiy, nave posatubi battente bandiera russa che, secondo i media internazionali, sarebbe stata scelta da Gazprom per completare la posa dell’ultimo tratto del gasdotto Nord Stream 2, dopo che il contractor svizzero Allseas aveva abbandonato il campo a fine dicembre scorso, a causa delle sanzioni introdotte dagli USA nei confronti di questa nuova pipeline.

La Akademy Chesrskiy, a cui a fine 2019 il ministro russo dell’energia Alexander Novak aveva fatto esplicito riferimento come una delle opzioni per completare il Nord Stream 2, dopo il forfait obbligato di Allseas, è salpata la settimana scorsa dal porto di Nakhodka, sulla costa russa del pacifico, dove stazionava.

Al momento, secondo il sito Marinetraffic (che consente di seguire i percorsi delle navi tramite il sistema satellitare AIS), la pipelayer russa sta attraversando lo stretto di Malacca, dopo aver già superato Singapore, e sarebbe diretta a Colombo, in Sri Lanka. E’ molto probabile che questa, però, non sia la sua destinazione finale e che il porto di arrivo, nei dati ripresi dal sito, sia aggiornato progressivamente man mano che la nave prosegue nel suo viaggio. Solo alcuni giorni fa, infatti, la destinazione risultava essere Singapore, ma in questo momento la Akademy Chesrskiy ha già superato la città stato asiatica e continua a navigare verso occidente. E’ quindi probabile che la posatubi russa raggiunga presto il Mar Rosso, per attraversare Suez, quindi passare Gibilterra e dirigersi verso il Mar Baltico danese, dove gli ultimi tubi attendono di essere posati sul fondale marino per completare il Nord Stream 2.

Latest article

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...