• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

domenica, Settembre 19, 2021

IN ROTTA VERSO OCCIDENTE LA POSATUBI RUSSA CHE POTREBBE COMPLETARE IL NORD STREAM 2

Must read

Stati Uniti. Spire Inc. ottiene più tempo per operare il Missouri St. Louis NG Pipeline

La società statunitense di gas naturale Spire Inc ha ottenuto il permesso dall’ente regolatore federale, per continuare le attività nel suo gasdotto STL del...

Brasile. Bolsonaro rilancia e vuole il gas argentino a tutti i costi

Le elezioni in Brasile sono previste per settembre del 2022, ma in realtà la campagna è già iniziata e l’argomento energia è sul tavolo. Bolsonaro...

Brasile. Il nuovo etanolodotto soddisferà l’intero fabbisogno di San Paulo

A partire da settembre, tutta la domanda di etanolo generata dalla regione metropolitana di San Paolo potrà essere soddisfatta grazie ai nuovi etanolodotti di...

Le comunità autoctone canadesi chiedono la deviazione del gasdotto di Enbridge

L’organizzazione canadese “First Nation”, istituzione che rappresenta le comunità autoctone canadesi, ha affermato di voler costringere la compagnia Enbridge Inc. a deviare il tracciato...

Si sta dirigendo verso occidente la Akademy Chesrskiy, nave posatubi battente bandiera russa che, secondo i media internazionali, sarebbe stata scelta da Gazprom per completare la posa dell’ultimo tratto del gasdotto Nord Stream 2, dopo che il contractor svizzero Allseas aveva abbandonato il campo a fine dicembre scorso, a causa delle sanzioni introdotte dagli USA nei confronti di questa nuova pipeline.

La Akademy Chesrskiy, a cui a fine 2019 il ministro russo dell’energia Alexander Novak aveva fatto esplicito riferimento come una delle opzioni per completare il Nord Stream 2, dopo il forfait obbligato di Allseas, è salpata la settimana scorsa dal porto di Nakhodka, sulla costa russa del pacifico, dove stazionava.

Al momento, secondo il sito Marinetraffic (che consente di seguire i percorsi delle navi tramite il sistema satellitare AIS), la pipelayer russa sta attraversando lo stretto di Malacca, dopo aver già superato Singapore, e sarebbe diretta a Colombo, in Sri Lanka. E’ molto probabile che questa, però, non sia la sua destinazione finale e che il porto di arrivo, nei dati ripresi dal sito, sia aggiornato progressivamente man mano che la nave prosegue nel suo viaggio. Solo alcuni giorni fa, infatti, la destinazione risultava essere Singapore, ma in questo momento la Akademy Chesrskiy ha già superato la città stato asiatica e continua a navigare verso occidente. E’ quindi probabile che la posatubi russa raggiunga presto il Mar Rosso, per attraversare Suez, quindi passare Gibilterra e dirigersi verso il Mar Baltico danese, dove gli ultimi tubi attendono di essere posati sul fondale marino per completare il Nord Stream 2.

Latest article

Stati Uniti. Spire Inc. ottiene più tempo per operare il Missouri St. Louis NG Pipeline

La società statunitense di gas naturale Spire Inc ha ottenuto il permesso dall’ente regolatore federale, per continuare le attività nel suo gasdotto STL del...

Brasile. Bolsonaro rilancia e vuole il gas argentino a tutti i costi

Le elezioni in Brasile sono previste per settembre del 2022, ma in realtà la campagna è già iniziata e l’argomento energia è sul tavolo. Bolsonaro...

Brasile. Il nuovo etanolodotto soddisferà l’intero fabbisogno di San Paulo

A partire da settembre, tutta la domanda di etanolo generata dalla regione metropolitana di San Paolo potrà essere soddisfatta grazie ai nuovi etanolodotti di...

Le comunità autoctone canadesi chiedono la deviazione del gasdotto di Enbridge

L’organizzazione canadese “First Nation”, istituzione che rappresenta le comunità autoctone canadesi, ha affermato di voler costringere la compagnia Enbridge Inc. a deviare il tracciato...

Stati Uniti. Il Colonial Pipeline riprende le attività mentre il nuovo uragano Nicholas perde forza

Il più grande oleodotto degli Stati Uniti ha ripreso le operazioni in maniera parziale, dopo aver dimostrato che l’infrastruttura ha resistito all'uragano Nicholas in...