• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 12
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

lunedì, Maggio 10, 2021

LA AKADEMIK CHERSKI RAGGIUNGE IL PORTO TEDESCO DOVE SI TROVANO I TUBI PER IL NORD STREAM 2

Must read

Conflitto tra Canada e Stati Uniti per il vecchio oleodotto dei Grandi Laghi

La compagnia canadese Enbridge continuerà a gestire il servizio dell’oleodotto numero 5, nonostante l'ordine promulgato da parte dello stato del Michigan di chiudere le...

Brasile investe 123 milioni di euro per ampliare la rete di gasdotti a Manaus

La compagnia Cigas ha iniziato i lavori di costruzione con l'obiettivo di espandere la rete di distribuzione del gas naturale (RDGN) nella città di...

Argentina accelera la costruzione del gasdotto con il Brasile

L'Argentina continua i negoziati con il Brasile per la costruzione del nuovo gasdotto che collegherà il giacimento di shale gas di Vaca Muerta alla...

Nova Gas Transmission ottiene si espande verso il nord del Canada

La compagnia Nova Gas Transmission, controllata di TC Energy Corp, ha ricevuto l'approvazione dal governo canadese per costruire l’espansione del gasdotto del nord (NCSE)...

Ormai sembra sicuro che sarà la nave posatubi russa Akademik Cherski a completare la costruzione del Nord Stream 2, gasdotto che collegherà Russia e Germania attraverso il Mar Baltico.

L’unità specializzata, nella disponibilità di Gazprom – che si è dovuta muovere in prima persona, dopo il forfait del contractor svizzero Allseas causato dalla sanzioni americane nei confronti della nuova infrastruttura energetica – nei giorni scorsi era stata avvistata nei pressi del porto di Kaliningred, exclave russa sul baltico.

Scalo dove, però, la Akademik Cherski non è mai entrata. Secondo quanto riportato da S&P Global Platts, infatti, la posatubi battente bandiera russa si trova ora davanti al porto di Mukran, sulla costa nord-orientale della Germania. E non si tratterebbe di un caso, poiché è proprio a Mukran che si trova il deposito dove sono stoccate le tubazioni necessarie a completare la costruzione del Nord Stream 2, il cui ultimo tratto attraversa le acque danesi per poi raggiungere la costa tedesca sul Baltico.

Un dettaglio, quello dell’ubicazione dei tubi ancora da installare, che è stato confermato a Platts dalla stessa Nord Stream 2, società controllata da Gazprom che si occupa di gestire il progetto e che però non ha fornito riscontri su altri dettagli.

Al momento quindi non esistono conferme ufficiali circa il fatto che sarà la Akademik Cherski a completare la posa del Nord Steram 2, ma le ultime mosse dalle nave lasciano poco spazio a dubbi.

Latest article

Conflitto tra Canada e Stati Uniti per il vecchio oleodotto dei Grandi Laghi

La compagnia canadese Enbridge continuerà a gestire il servizio dell’oleodotto numero 5, nonostante l'ordine promulgato da parte dello stato del Michigan di chiudere le...

Brasile investe 123 milioni di euro per ampliare la rete di gasdotti a Manaus

La compagnia Cigas ha iniziato i lavori di costruzione con l'obiettivo di espandere la rete di distribuzione del gas naturale (RDGN) nella città di...

Argentina accelera la costruzione del gasdotto con il Brasile

L'Argentina continua i negoziati con il Brasile per la costruzione del nuovo gasdotto che collegherà il giacimento di shale gas di Vaca Muerta alla...

Nova Gas Transmission ottiene si espande verso il nord del Canada

La compagnia Nova Gas Transmission, controllata di TC Energy Corp, ha ricevuto l'approvazione dal governo canadese per costruire l’espansione del gasdotto del nord (NCSE)...

Il nuovo gasdotto di Cuxtal rafforzerà l’economia dello Yucatan

Il nuovo gasdotto messicano garantirà un volume di gas naturale sufficiente per alimentare gli attuali impianti termoelettrici e altri due che si costruiranno prima...