• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

sabato, Luglio 24, 2021

LA GERMANIA BOLLA COME “INGERENZE ESTERNE” LE SANZIONI USA AL NORD STREAM 2

Must read

Biden rivela un vecchio attacco informatico cinese alla propria rete di gasdotti

Il presidente Joe Biden e alti funzionari degli Stati Uniti si riuniranno con le principali compagnie del settore privato il prossimo 25 agosto per...

L’espansione dell’oleodotto Trans Mountain ottiene l’approvazione dall’ente regolatore

Il progetto di espansione dell'oleodotto canadese Trans Mountain ha ricevuto l'approvazione dal Canada Energy Regulator. Il nuovo tracciato allontana così il gasdotto da una falda...

Italgas – il trasporto dei gas del futuro per sostenere la transizione energetica

Italgas Reti, primo operatore in Italia e terzo in Europa con 8.000 chilometri di rete gestite, metterà a disposizione il proprio know-how per sostenere...

WBI Energy inizia la costruzione del gasdotto ND Natural

La compagnia WBI Energy, ha iniziato la costruzione del progetto di espansione North Bakken nel Nord Dakota. Questa espansione del gasdotto avrà la capacità...

La recente mossa del Senato americano, che ha inserito le sanzioni contro il Nord Stream 2, da tempo ventilate ma mai attuate dal Presidente Donald Trump, in una legge sulla difesa di sicura approvazione, non è piaciuta alla Germania, che è il primo sostenitore della nuova pipeline di Gazprom nel Vecchio Continente nonché il principale beneficiario delle forniture di gas russo che viaggeranno nella condotta a partire dal prossimo anno.

Il riferimento all’atto legislativo statunitense non è stato palesato, ma il messaggio è chiaro. Il Ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, secondo quanto riportato dalla Reuters, ha infatti dichiarato, a proposito del Nord Stream 2: “Le decisioni relative alla politica energetica europea si prendono in Europa. Noi rifiutiamo interferenze esterne e, in linea di principio, sanzioni extraterritoriali”.

Il fastidio tedesco per quella che viene considerata un’ingerenza americana in affari del tutto europei è evidente, ma la questione trascende la semplice politica energetica avendo riflessi geopolitici di più ampio respiro, che riguardano l’influenza russa sul Vecchio Continente.

 

 

Latest article

Biden rivela un vecchio attacco informatico cinese alla propria rete di gasdotti

Il presidente Joe Biden e alti funzionari degli Stati Uniti si riuniranno con le principali compagnie del settore privato il prossimo 25 agosto per...

L’espansione dell’oleodotto Trans Mountain ottiene l’approvazione dall’ente regolatore

Il progetto di espansione dell'oleodotto canadese Trans Mountain ha ricevuto l'approvazione dal Canada Energy Regulator. Il nuovo tracciato allontana così il gasdotto da una falda...

Italgas – il trasporto dei gas del futuro per sostenere la transizione energetica

Italgas Reti, primo operatore in Italia e terzo in Europa con 8.000 chilometri di rete gestite, metterà a disposizione il proprio know-how per sostenere...

WBI Energy inizia la costruzione del gasdotto ND Natural

La compagnia WBI Energy, ha iniziato la costruzione del progetto di espansione North Bakken nel Nord Dakota. Questa espansione del gasdotto avrà la capacità...

Gli Stati Uniti annunciano nuovi requisiti di sicurezza informatica ai proprietari di gasdotti

Il Dipartimento della Sicurezza statunitense ha richiesto ai proprietari e operatori di trasporto di gas e petrolio, di introdurre misure di protezioni urgenti contro...