• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 31
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • Annuncio creato il 11/10/2021 16:04 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • Annuncio creato il 11/10/2021 16:04 - Pipeline News -  -

martedì, Ottobre 26, 2021

LA GERMANIA BOLLA COME “INGERENZE ESTERNE” LE SANZIONI USA AL NORD STREAM 2

Must read

Messico. Rinasce l’interesse del mega gasdotto da 1800 km

Il Messico vuole fornire gas naturale su larga scala ai paesi del cosiddetto Triangolo Nord del Centro America, attraverso il "Piano di sviluppo globale...

Brasile. Alcune importanti città del centro del paese reclamano un gasdotto

Le città del centro ovest del Brasile si sono unite per iniziare uno studio per poter costruire un gasdotto. Il progetto è in fase di...

Lincoln Electric annuncia il nuovo trainafilo portatile Activ8x Pipe

La compagnia Lincoln Electric ha annunciato il nuovo trainafilo portatile Activ8x Pipe, un dispositivo progettato per la saldatura di condotte fino a un diametro...

La Guyana vuole costruire un oleodotto sottomarino di 220 km

Il governo della Guyana prevede che il prossimo anno inizieranno i lavori per costruire  una grande centrale elettrica a gas, che sarà alimentata da un...

La recente mossa del Senato americano, che ha inserito le sanzioni contro il Nord Stream 2, da tempo ventilate ma mai attuate dal Presidente Donald Trump, in una legge sulla difesa di sicura approvazione, non è piaciuta alla Germania, che è il primo sostenitore della nuova pipeline di Gazprom nel Vecchio Continente nonché il principale beneficiario delle forniture di gas russo che viaggeranno nella condotta a partire dal prossimo anno.

Il riferimento all’atto legislativo statunitense non è stato palesato, ma il messaggio è chiaro. Il Ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, secondo quanto riportato dalla Reuters, ha infatti dichiarato, a proposito del Nord Stream 2: “Le decisioni relative alla politica energetica europea si prendono in Europa. Noi rifiutiamo interferenze esterne e, in linea di principio, sanzioni extraterritoriali”.

Il fastidio tedesco per quella che viene considerata un’ingerenza americana in affari del tutto europei è evidente, ma la questione trascende la semplice politica energetica avendo riflessi geopolitici di più ampio respiro, che riguardano l’influenza russa sul Vecchio Continente.

 

 

Latest article

Messico. Rinasce l’interesse del mega gasdotto da 1800 km

Il Messico vuole fornire gas naturale su larga scala ai paesi del cosiddetto Triangolo Nord del Centro America, attraverso il "Piano di sviluppo globale...

Brasile. Alcune importanti città del centro del paese reclamano un gasdotto

Le città del centro ovest del Brasile si sono unite per iniziare uno studio per poter costruire un gasdotto. Il progetto è in fase di...

Lincoln Electric annuncia il nuovo trainafilo portatile Activ8x Pipe

La compagnia Lincoln Electric ha annunciato il nuovo trainafilo portatile Activ8x Pipe, un dispositivo progettato per la saldatura di condotte fino a un diametro...

La Guyana vuole costruire un oleodotto sottomarino di 220 km

Il governo della Guyana prevede che il prossimo anno inizieranno i lavori per costruire  una grande centrale elettrica a gas, che sarà alimentata da un...

Dakota Natural Gas Ampliamento dell’accesso con il progetto Pipeline

La compagnia Dakota Natural Gas (DNG) ha completato la costruzione del gasdotto di 60 km per fornire gas naturale dal gasdotto Viking nel Minnesota...