• Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

giovedì, Febbraio 25, 2021

La Germania sta già studiando il ‘phase out’ del gas naturale dal settore del riscaldamento

Must read

Tesmec: il calo del 2020 (causa Covid) rispetta le attese, portafoglio ordini in crescita

Il gruppo italiano Tesmec leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di...

La Germania sta già studiando il ‘phase out’ del gas naturale dal settore del riscaldamento

La Germania dovrà prepararsi a dire addio al gas naturale per il riscaldamento molto presto, già entro pochi anni. Ne è convinto il Ministro tedesco...

Snam alla ricerca di una FSRU da installare al largo della Sardegna

Snam avrebbe avviato una ricerca di mercato, propedeutica all’avvio di una procedura di gara vera e propria prevista per il mese prossimo, per la...

A gennaio il 20% del gas arrivato in Italia col TAP è stato ri-esportato verso altri mercati

Da inizio anno il nuovo gasdotto TAP (Trans Adriatic Pipeline) è entrato in attività, consentendo all’Italia di importare gas dall’Azerbaijan ma rendendo anche il...

La Germania dovrà prepararsi a dire addio al gas naturale per il riscaldamento molto presto, già entro pochi anni.

Ne è convinto il Ministro tedesco dell’Economia Peter Altmaier, secondo cui se il Paese vuole raggiungere l’obbiettivo di diventare carbon neutral entro il 2050, dovrà preparare un ‘phase out’ del metano dal riscaldamento con largo anticipo, in considerazione dei cicli di programmazione degli investimenti piuttosto lunghi e della necessità di definire con anticipo l’evoluzione delle infrastrutture.

Secondo quanto riportato dalla testata specializzata in temi energetici ‘Clean Energy Wire’, il Ministro avrebbe scritto – in una sorta di position paper che sarebbe stato diffuso tra gli stakeholder per avviare un dialogo sulla neutralità climatica del riscaldamento – che il gas naturale giocherà sicuramente un ruolo importante nella transizione energetica, ma anche che dovrà essere utilizzato selettivamente, solo in alcune applicazioni e non in tutte, e comunque insieme a tecnologie di CCS (Carbon Capture and Storage), ovvero di sequestro e stoccaggio della CO2.

“In considerazione dei periodi di investimento lunghi caratteristici del settore del riscaldamento e delle decisioni che è necessario prendere per tempo riguardo le infrastrutture per la futura modalità di distribuzione del calore, l’uscita del gas da questo comparto deve essere preparata già nei prossimi anni” avrebbe detto il ministro, che pensa di poter pubblicare l’esito del primo ‘giro’ di consultazioni con gli stakeholder coinvolti su questo tema già prima dell’estate. Al momento il gas copre circa un quarto dei consumi primari di energia in Germania ed è usato principalmente per il riscaldamento delle abitazioni private, degli edifici pubblici e nei processi di riscaldamento in ambito industriale.

Latest article

Tesmec: il calo del 2020 (causa Covid) rispetta le attese, portafoglio ordini in crescita

Il gruppo italiano Tesmec leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di...

La Germania sta già studiando il ‘phase out’ del gas naturale dal settore del riscaldamento

La Germania dovrà prepararsi a dire addio al gas naturale per il riscaldamento molto presto, già entro pochi anni. Ne è convinto il Ministro tedesco...

Snam alla ricerca di una FSRU da installare al largo della Sardegna

Snam avrebbe avviato una ricerca di mercato, propedeutica all’avvio di una procedura di gara vera e propria prevista per il mese prossimo, per la...

A gennaio il 20% del gas arrivato in Italia col TAP è stato ri-esportato verso altri mercati

Da inizio anno il nuovo gasdotto TAP (Trans Adriatic Pipeline) è entrato in attività, consentendo all’Italia di importare gas dall’Azerbaijan ma rendendo anche il...

Italgas mette in esercizio altri 130 Km di rete in Sardegna

Italgas ha annunciato ieri l’avvio dei lavori di messa in esercizio di altri 130 chilometri circa di reti del gas ‘native digitali’ al servizio...