• Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

venerdì, Marzo 5, 2021

LA ROMANIA ‘CEDE’ A BRUXELLES E SI IMPEGNA A GARANTIRE MAGGIOR ACCESSO AI SUOI GASDOTTI

Must read

Confermata a Italgas la gestione del servizio di distribuzione del gas nell’Ambito Territoriale Torino 1

E’ stata Italgas ad aggiudicarsi la gara, indetta dal Comune di Tornino, relativa al servizio di distribuzione del gas naturale, per i prossimi 12...

A partire dal prossimo anno la Lituania fornirà gas alla Polonia attraverso una nuova pipeline

La compagnia energetica statale lituana Ignitis Group inizierà a fornire gas alla Polonia, attraverso una nuova pipeline dedicata che entrerà in funzione il prossimo...

Scorte di gas europee ai minimi: la corsa a ricostituirle durante l’estate spingerà al rialzo il prezzo del metano

L’Europa si avvia a concludere la stagione invernale, che si chiude convenzionalmente alla fine di marzo, con riserve di gas ridotte ai minimi storici....

Total pronta a costruire un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari tra Uganda e Tanzania

Il Governo dell’Uganda ha annunciato che i lavori di costruzione di un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari che raggiungerà il vicino Stato...

La Commissione Europea ha accettato gli impegni presi dalla Romania nel senso di una maggiore liberalizzazione del mercato del gas e dell’utilizzo della propria rete di pipeline per l’export verso i Paesi vicini (soprattutto Ungheria e Bulgaria).

Passaggio formale che evita a Bucarest una procedura di infrazione: nel 2017, infatti, la DG Competition aveva avviato un’indagine formale sulla condotta, ritenuta anticoncorrenziale e in violazione della normativa comunitaria in materia, nei confronti di Transgaz, l’azienda pubblica che gestisce la rete dei gasdotti della Romania.

In particolare, secondo Bruxelles, la società pubblica rumena avrebbe in passato ridotto la possibilità di esportare gas tramite una serie di azioni, ovvero: riducendo o ritardando gli investimenti in nuove infrastrutture per l’export di gas; fissando tariffe per l’utilizzo dei punti di interconnessione con l’estero tali da rendere l’export di gas commercialmente non conveniente; utilizzando argomenti tecnici infondati per giustificare i limiti all’export.

Azioni che, ritiene la Commissione, hanno avuto l’effetto di limitare il flusso di gas tra la Romania, uno dei principali produttori dell’Unione Europea, e i Paesi confinanti a partire da Ungheria e Bulgaria, in netto contrasto con gli obbiettivi dell’UE che punta alla creazione di un mercato energetico unico e libero a livello continentale.

A valle dell’apertura dell’indagine è stato aperto un confronto tra Bruxelles e Bucarest, che ha visto la partecipazione dei principali stakeholder di Transgaz, e che ha portato alla formulazione di una serie di impegni da parte dell’azienda rumena, sufficienti secondo la Commissione e chiudere il dossier senza arrivare alla procedura di infrazione.

Nel dettaglio – come si legge in una nota diffusa dalla DG Competition – Transgaz si è impegnata a fare sostanzialmente tre cose: rendere disponibile una capacità di export pari ad almeno 1,75 milioni metri cubi all’anno presso il punto di interconnessione tra Romania e Ungheria, situato a Csanádpalota (alore pari a 1/6 del consumo totale annuo dell’Ungheria); a rendere disponibile una capacità di export di almeno 3,7 bcm all’anno nei due punti di interconnessione tra Romania e Bulgaria ubicati a Giurgiu/Ruse e Negru Vodă I/Kardam (valore che compre oltre la metà dei consumi annui di Bulgaria e Grecia) e infine ad apllicare tariffe, per l’utilizzo dei menzionati di interconnessione trasnfrontaliera,  tali da non rendere l’export commercialmente sfavorevole rispetto alla commercializzazione e alla distribuzione del gas sul mercato interno.

Questi impegni, la cui applicazione sarà verificata da un apposito comitato, resteranno legalmente in vigore, e quindi vincolanti per Transgaz, fino al 2026.

Latest article

Confermata a Italgas la gestione del servizio di distribuzione del gas nell’Ambito Territoriale Torino 1

E’ stata Italgas ad aggiudicarsi la gara, indetta dal Comune di Tornino, relativa al servizio di distribuzione del gas naturale, per i prossimi 12...

A partire dal prossimo anno la Lituania fornirà gas alla Polonia attraverso una nuova pipeline

La compagnia energetica statale lituana Ignitis Group inizierà a fornire gas alla Polonia, attraverso una nuova pipeline dedicata che entrerà in funzione il prossimo...

Scorte di gas europee ai minimi: la corsa a ricostituirle durante l’estate spingerà al rialzo il prezzo del metano

L’Europa si avvia a concludere la stagione invernale, che si chiude convenzionalmente alla fine di marzo, con riserve di gas ridotte ai minimi storici....

Total pronta a costruire un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari tra Uganda e Tanzania

Il Governo dell’Uganda ha annunciato che i lavori di costruzione di un nuovo oleodotto da 3,5 miliardi di dollari che raggiungerà il vicino Stato...

Il Qatar investirà 60 milioni di dollari nella realizzazione di una nuova pipeline tra Israele e Gaza

Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters, il Ministero degli Esteri del Qatar ha annunciato ufficialmente l’intenzione di investire 60 milioni di dollari nel...