• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

giovedì, Luglio 29, 2021

L’Italia aumenta l’import di gas dall’Algeria: Eni, Enel ed Edison acquistano volumi addizionali sul mercato spot

Must read

Gazprom paga 349 milioni di euro per aumentare la capacità di trasporto del gasdotto TurkStream

Secondo quanto riportato dall’operatore Bulgartransgaz, Gazprom ha recentemente accettato il pagamento anticipato di 349 milioni di euro per permettere l’aumento della capacità di trasporto...

Le importazioni di gas naturale dal Messico dagli Stati Uniti sono state il 76% della fornitura a giugno

In base all’ultimo rapporto informativo della EIA, in giugno le esportazioni di gas naturale dagli Stati Uniti al Messico attraverso i gasdotti hanno superato...

Stati Uniti. Spire STL cerca il sostegno del governo per evitare interruzioni di gas in inverno

La compagnia Spire STL Pipeline ha presentato una richiesta di appoggio al governo allo scopo di garantire il servizio del gasdotto STL prima di...

Inter Pipeline si allontana dall’accordo con Pembina

L'operatore canadese di gasdotti Inter Pipeline ha deciso di declinare la sua proposta di 5,6 miliardi di euro con la rivale Pembina Pipeline Corp,...

Il gas importato dall’Algeria tramite i contratti di fornitura di lungo termine in vigore con Sonatrach non basta più all’Italia, che sta acquistando – dalla stessa fonte – volumi ulteriori sul mercato spot.

Secondo quanto riportato da S&P Global Platts, che cita fonti confidenziali vicine all’operazione, i tre principali clienti italiani del gas algerino, Eni, Enel e Edison, starebbero esercitando una serie di opzioni definite nel 2019 quando i rispettivi contratti di lungo termine con Sonatrach erano stati rinegoziati, e che consentono alle tre corporation energetiche di acquistare – evidentemente a prezzi già concordati – un quantitativo illimitato di metano sul mercato spot, in aggiunta alle fornitura standard. Una fonte di S&P conferma che “gli acquisto sono in corso in questo momento”.

Un portavoce dell’Eni ha confermato a Platts che il 16 aprile la capacità di trasporto addizionale dei gasdotti Trans Tunisian Pipeline (TTPC) e Trans-Mediterranean Pipeline (TMPC) – che collegano l’Algeria all’Italia attraverso la Tunisia e che sono controllati al 100% da una joint-venture tra Sonatrach e l’Eni – è stata acquistata. Lo stesso portavoce non ha però precisato se sia stata effettivamente l’Eni ad acquistare questa capacità di trasporto addizionale delle due pipeline.

Secondo i dati del sistema PRISMA, l’ultimo acquisto spot di capacità mensile aggiuntiva al punto di entrata di Mazara del Vallo, dove il gasdotto Transmed si connette alla rete italiana, era stata acquistata lo scorso 15 marzo, per circa 1 milione di metri cubi, rispetto ai 2 milioni di metri cubi offerti.

In questo momento l’Italia sta importando quantitativi di gas molto elevati dall’Algeria, e secondo diversi analisti il nostro Paese potrebbe concentrare nel primo semestre 2021 l’acquisto di quasi tutto il quantitativo annuo previsto dai contratti di fornitura, per sfruttare i prezzi favorevoli, e poi rallentare il ritmo nel secondo semestre. Anche se il fatto che Eni, Enel ed Edison abbiano la possibilità di importare da Sonatrach più gas di quello contrattualizzato (proprio grazie alle opzioni già citate che consentono acquisti sul mercato spot), potrebbe influenzare in misura rilevante questo scenario.

Latest article

Gazprom paga 349 milioni di euro per aumentare la capacità di trasporto del gasdotto TurkStream

Secondo quanto riportato dall’operatore Bulgartransgaz, Gazprom ha recentemente accettato il pagamento anticipato di 349 milioni di euro per permettere l’aumento della capacità di trasporto...

Le importazioni di gas naturale dal Messico dagli Stati Uniti sono state il 76% della fornitura a giugno

In base all’ultimo rapporto informativo della EIA, in giugno le esportazioni di gas naturale dagli Stati Uniti al Messico attraverso i gasdotti hanno superato...

Stati Uniti. Spire STL cerca il sostegno del governo per evitare interruzioni di gas in inverno

La compagnia Spire STL Pipeline ha presentato una richiesta di appoggio al governo allo scopo di garantire il servizio del gasdotto STL prima di...

Inter Pipeline si allontana dall’accordo con Pembina

L'operatore canadese di gasdotti Inter Pipeline ha deciso di declinare la sua proposta di 5,6 miliardi di euro con la rivale Pembina Pipeline Corp,...

Il gasdotto TETCO ritorna in servizio al 100% della sua capacità

L'unità Texas Eastern Transmission (TETCO), appartenente alla compagnia Enbridge Inc, ha affermato di aver fornito tutte le informazioni richieste dalle autorità federali che regolano...