• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 13
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

[titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

sabato, Luglio 24, 2021

Nord Stream 2: la Adakemik Cherskiy affianca la Fortuna per velocizzare la posa dell’ultimo tratto

Must read

Biden rivela un vecchio attacco informatico cinese alla propria rete di gasdotti

Il presidente Joe Biden e alti funzionari degli Stati Uniti si riuniranno con le principali compagnie del settore privato il prossimo 25 agosto per...

L’espansione dell’oleodotto Trans Mountain ottiene l’approvazione dall’ente regolatore

Il progetto di espansione dell'oleodotto canadese Trans Mountain ha ricevuto l'approvazione dal Canada Energy Regulator. Il nuovo tracciato allontana così il gasdotto da una falda...

Italgas – il trasporto dei gas del futuro per sostenere la transizione energetica

Italgas Reti, primo operatore in Italia e terzo in Europa con 8.000 chilometri di rete gestite, metterà a disposizione il proprio know-how per sostenere...

WBI Energy inizia la costruzione del gasdotto ND Natural

La compagnia WBI Energy, ha iniziato la costruzione del progetto di espansione North Bakken nel Nord Dakota. Questa espansione del gasdotto avrà la capacità...

Sono passati quasi due mesi tra l’annuncio dell’arrivo della nave nella zona, per le prove in mare propedeutiche all’entrata in servizio, e il suo effettivo coinvolgimento nelle attività di posa dell’ultimo tratto del gasdotto Nord Stream 2 in acque territoriali danesi. Ma ora è stata la stessa Nord Stream 2 AG – controllata del gruppo russo Gazprom – a confermare che la Adakemik Cherskiy è effettivamente al lavoro, al fianco della Fortuna, altra nave posatubi battente bandiera russa, ma decisamente più datata e meno efficiente.

La Adakemik Cherskiy, che da molti mesi stazionava nel proto tedesco di Wismar, il 4 marzo scorso si era spostata a Kaliningrad per l’avvio delle prove in mare, come ufficialmente comunicato a suo tempo da Nord Stream 2, ormai costretta a completare in proprio l’installazione dell’ultima porzione sottomarina della pipeline, dopo che le sanzioni americane avevano costretto alla ‘fuga’ il contractor svizzero Allseas a dicembre 2019. Dal tono della comunicazione di inizio marzo, sembrava a che la Adakemik Cherskiy avrebbe dovuto iniziare il suo lavoro di lì a qualche giorno, ma l’annuncio ufficiale della sua entrata in servizio, al fianco della Fortuna (che è al lavoro dallo scorso febbraio), è arrivato soltanto oggi (27 aprile; ndr).

Uno sviluppo che, tuttavia, dovrebbe consentire a Gazprom di accelerare notevolmente le operazioni di posa del gasdotto: mentre la Fortuna ha infatti un antiquato sistema di posizionamento ad ancore, la Adakemik Cherskiy è dotata di un ben più moderno sistema di ‘dynamic positioning’ che le consente una produttività molto maggiore. La due navi posatubi, comunque, continueranno a lavorare una affianco all’altra, come confermato dalla stessa Nord Stream 2 nella sua nota.

Proprio in ragione delle sue caratteristiche tecniche e della presenza nel Mare del Nord, per tutto il 2020 molti osservatori ritenevano che sarebbe stata proprio la Adakemik Cherskiy a riprendere il lavoro di posa della condotta là dove la Pioner Spirit di Allseas lo aveva interrotto. Previsione che si era poi rivelata almeno parzialmente errata quando la prima posatubi russa ad intervenire nella zona era stata la Fortuna, e poi avveratasi soltanto in questi giorni con l’entrata in servizio della più moderna unità connazionale.

Alla luce dell’attuale assetto dei suoi mezzi operativi, Gazprom ha recentemente comunicato che intende completare l’installazione del Nord Stream 2 entro la fine della prossima estate.

Latest article

Biden rivela un vecchio attacco informatico cinese alla propria rete di gasdotti

Il presidente Joe Biden e alti funzionari degli Stati Uniti si riuniranno con le principali compagnie del settore privato il prossimo 25 agosto per...

L’espansione dell’oleodotto Trans Mountain ottiene l’approvazione dall’ente regolatore

Il progetto di espansione dell'oleodotto canadese Trans Mountain ha ricevuto l'approvazione dal Canada Energy Regulator. Il nuovo tracciato allontana così il gasdotto da una falda...

Italgas – il trasporto dei gas del futuro per sostenere la transizione energetica

Italgas Reti, primo operatore in Italia e terzo in Europa con 8.000 chilometri di rete gestite, metterà a disposizione il proprio know-how per sostenere...

WBI Energy inizia la costruzione del gasdotto ND Natural

La compagnia WBI Energy, ha iniziato la costruzione del progetto di espansione North Bakken nel Nord Dakota. Questa espansione del gasdotto avrà la capacità...

Gli Stati Uniti annunciano nuovi requisiti di sicurezza informatica ai proprietari di gasdotti

Il Dipartimento della Sicurezza statunitense ha richiesto ai proprietari e operatori di trasporto di gas e petrolio, di introdurre misure di protezioni urgenti contro...