• Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

giovedì, Febbraio 25, 2021

Nord Stream 2: la posatubi russa Fortuna al lavoro per completare la posa del gasdotto in acque danesi

Must read

Tesmec: il calo del 2020 (causa Covid) rispetta le attese, portafoglio ordini in crescita

Il gruppo italiano Tesmec leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di...

La Germania sta già studiando il ‘phase out’ del gas naturale dal settore del riscaldamento

La Germania dovrà prepararsi a dire addio al gas naturale per il riscaldamento molto presto, già entro pochi anni. Ne è convinto il Ministro tedesco...

Snam alla ricerca di una FSRU da installare al largo della Sardegna

Snam avrebbe avviato una ricerca di mercato, propedeutica all’avvio di una procedura di gara vera e propria prevista per il mese prossimo, per la...

A gennaio il 20% del gas arrivato in Italia col TAP è stato ri-esportato verso altri mercati

Da inizio anno il nuovo gasdotto TAP (Trans Adriatic Pipeline) è entrato in attività, consentendo all’Italia di importare gas dall’Azerbaijan ma rendendo anche il...

La posatubi di bandiera russa Fortuna, già approvata dalle autorità danesi come mezzo scelto da Gazprom per completare la posa dell’ultimo tratto offshore del gasdotto Nord Stream 2, si è già portata presso il suo sito operativo e ha iniziato oggi, 25 gennaio, i lavori preparatori alla posa delle condotte. Lo riporta S&P Global Platts, citando un portavoce di Nord Stream 2 AG; la società controllata da Gazprom incaricata di realizzare l’opera.

La Fortuna, sempre secondo Platts, sarebbe arrivata presso il punto in cui dovrà iniziare la posa, a sud dell’isola danese di Bornholm, il 22 gennaio scorso, e sarebbe ormai pronta ad effettuare l’installazione dell’ultimo tratto ancora mancante della pipeline che raddoppierà la capacità della Russia di consegnare gas naturale alla Germania e, da lì, a tutto il mercato dell’Europa centrale bypassando l’Ucraina. Un’opera osteggiata da diversi Paesi europei e soprattutto dagli USA, che dopo le prime sanzioni comminate a fine 2019 hanno rincarato la dose solo alcuni giorni fa (precisamente il 19 gennaio) con nuove misure dirette alla nave Fortuna e all’entità che ne detiene la proprietà, la società russa KVT-RUS.

Inasprimento delle sanzioni che, tuttavia, per il momento non sembra poter fermare Gazprom, intenzionata a completare l’infrastruttura.

“La posatubi Fortuna ha iniziato i lavori nel corridoio di costruzione all’interno della Exclusive Economic Zone della Danimarca, nell’ambito del riavvio dei lavori di costruzione del gasdotto Nord Stream 2” ha dichiarato un portavoce di Nord Stream 2 AG. “Tutti i lavori vengono svolti in piena conformità ai permessi ottenuti”.

La società russa aveva già ottenuto, lo scorso 15 gennaio, il via libera della Danish Maritime Authority, ma la Fortuna, nel frattempo salpata il 14 gennaio dal porto tedesco di Wismar, era poi rimasta in mare davanti ad un altro scalo tedesco, quello di Rostock, fino al 22 gennaio, quando era entrata nelle acque territoriali danesi per portarsi in posizione e prepararsi al riavvio dei lavori, avvenuto ufficialmente oggi 25 gennaio.

La Fortuna poserà l’ultimo tratto della condotta con il supporto dei due mezzi specializzati Murman, che si trova già sul posto, e Baltic Explorer, che invece risulta essere ancora ormeggiato presso il porto svedese di Ystad.

Latest article

Tesmec: il calo del 2020 (causa Covid) rispetta le attese, portafoglio ordini in crescita

Il gruppo italiano Tesmec leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di...

La Germania sta già studiando il ‘phase out’ del gas naturale dal settore del riscaldamento

La Germania dovrà prepararsi a dire addio al gas naturale per il riscaldamento molto presto, già entro pochi anni. Ne è convinto il Ministro tedesco...

Snam alla ricerca di una FSRU da installare al largo della Sardegna

Snam avrebbe avviato una ricerca di mercato, propedeutica all’avvio di una procedura di gara vera e propria prevista per il mese prossimo, per la...

A gennaio il 20% del gas arrivato in Italia col TAP è stato ri-esportato verso altri mercati

Da inizio anno il nuovo gasdotto TAP (Trans Adriatic Pipeline) è entrato in attività, consentendo all’Italia di importare gas dall’Azerbaijan ma rendendo anche il...

Italgas mette in esercizio altri 130 Km di rete in Sardegna

Italgas ha annunciato ieri l’avvio dei lavori di messa in esercizio di altri 130 chilometri circa di reti del gas ‘native digitali’ al servizio...