Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

giovedì, Dicembre 3, 2020

PRONTI A PARTIRE I LAVORI DI COSTRUZIONE DEL NUOVO OLEODOTTO AMERICANO LIBERTY

Must read

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

E’ ormai prossima a partire negli USA la costruzione del nuovo oleodotto Liberty, che avrà una lunghezza di circa 1120 km, un diametro di 24 pollici, richiederà un investimento di 1.600 milioni di dollari e trasporterà 350.000 barili al giorno da Guernsey, Wyoming a Cushing, Oklahoma a partire dal secondo semestre del 2021.

L’oleodotto Liberty rappresenta una grande acquisizione del portafoglio di progetti della compagnia Phillips 66 Partners” ha affermato Greg Garland, CEO della famosa multinazionale americana che realizzerà la nuova infrastruttura energetica.

La costruzione di questa importante opera accompagnerà la costante crescita dell’industria energetica di queste regioni situate nel centro degli Stati Uniti e assicurerà il fabbisogno di combustibili fossili direttamente dai produttori alle raffinerie aumentando in questo modo la sicurezza e indipendenza energetica di tutto il sistema produttivo statunitense.

Il tracciato è stato scelto in base a una serie di criteri molto rigidi per ridurre al minimo l’impatto ambientale, per questo l’85% dell’oleodotto segue la rete stradale principale del paese, evitando l’attraversamento di boschi e aree protette.

Secondo il Ministero di Energia americano il trasporto del petrolio via oleodotto è il mezzo più sicuro ed efficace, visto che é operativo h24, sette giorni su sette e riduce il numero di camion sulle strade.

Il ritorno economico una volta conclusa l’opera, sarà condiviso anche dai municipi di Rockies e Bakken che ricaverebbero dalle imposte comunali.

L’azienda che si farà carico della costruzione e messa in opera di questo oleodotto è Phillips 66 Partner con la sua sede principale in Houston.

Tutte le pratiche per ottenere i rispettivi permessi locali, statali e federali sono già iniziati e il cronogramma dei lavori dipenderà anche dalla prontezza delle decisioni delle agenzie che regolano il settore petrolifero americano. Mentre per quanto riguarda la costruzione dell’oleodotto, secondo i calcoli dei progettisti i lavori dureranno al massimo 24 mesi.

Latest article

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...