• [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 21

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 31
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 19

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • Annuncio creato il 11/10/2021 16:04 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • Annuncio creato il 11/10/2021 16:04 - Pipeline News -  -

martedì, Ottobre 26, 2021

REGOLE EUROPEE SULLA RETE DEL GAS: NESSUNA ECCEZIONE PER IL NORD STREAM 2

Must read

Messico. Rinasce l’interesse del mega gasdotto da 1800 km

Il Messico vuole fornire gas naturale su larga scala ai paesi del cosiddetto Triangolo Nord del Centro America, attraverso il "Piano di sviluppo globale...

Brasile. Alcune importanti città del centro del paese reclamano un gasdotto

Le città del centro ovest del Brasile si sono unite per iniziare uno studio per poter costruire un gasdotto. Il progetto è in fase di...

Lincoln Electric annuncia il nuovo trainafilo portatile Activ8x Pipe

La compagnia Lincoln Electric ha annunciato il nuovo trainafilo portatile Activ8x Pipe, un dispositivo progettato per la saldatura di condotte fino a un diametro...

La Guyana vuole costruire un oleodotto sottomarino di 220 km

Il governo della Guyana prevede che il prossimo anno inizieranno i lavori per costruire  una grande centrale elettrica a gas, che sarà alimentata da un...

Dopo i ritardi causati dalle sanzioni americane, che hanno bloccato il contractor Allseas e costretto Gazprom ad organizzarsi con mezzi propri (la posatubi russa Akademik Cherski) per completare la posa della pipeline, nei giorni scorsi è arrivata un’altra doccia fredda per il progetto Nord Stream 2, il nuovo gasdotto che raddoppierà la capacità russa di consegnare gas naturale alla Germania e a tutta l’Europa Centrale.

Secondo quanto riportato dall’agenzia Reuters, infatti, il Bundesnetzagentur – l’autorità tedesca di regolazione dei gasdotti – ha negato al consorzio promotore del Nord Stream 2, di cui oltre a Gazprom fanno parte anche Uniper, Wintershall-Dea, Shell, OMW e Engie, la possibilità di derogare alla normativa europea in tema di reti del gas naturale, che prevede una netta separazione societaria tra i produttori, gli operatori del trasporto e quelli della distribuzione finale del combustibile.

Deroga che sarebbe stata negata perché l’opera non è stata completata entro il maggio 2019, ma lo sarà solo nel 2021.

Secondo la Reuters questa decisione non impatta sulla costruzione dell’infrastruttura, a cui manca ormai solo l’ultimo tratto, ma piuttosto pone problematiche complesse in tema di futura gestione operativa della condotta.

Ora il consorzio Nord Stream 2 ha un mese di tempo per valutare questo pronunciamento delle autorità tedesche ed eventualmente decidere se appellarsi chiedendone una revisione.

Latest article

Messico. Rinasce l’interesse del mega gasdotto da 1800 km

Il Messico vuole fornire gas naturale su larga scala ai paesi del cosiddetto Triangolo Nord del Centro America, attraverso il "Piano di sviluppo globale...

Brasile. Alcune importanti città del centro del paese reclamano un gasdotto

Le città del centro ovest del Brasile si sono unite per iniziare uno studio per poter costruire un gasdotto. Il progetto è in fase di...

Lincoln Electric annuncia il nuovo trainafilo portatile Activ8x Pipe

La compagnia Lincoln Electric ha annunciato il nuovo trainafilo portatile Activ8x Pipe, un dispositivo progettato per la saldatura di condotte fino a un diametro...

La Guyana vuole costruire un oleodotto sottomarino di 220 km

Il governo della Guyana prevede che il prossimo anno inizieranno i lavori per costruire  una grande centrale elettrica a gas, che sarà alimentata da un...

Dakota Natural Gas Ampliamento dell’accesso con il progetto Pipeline

La compagnia Dakota Natural Gas (DNG) ha completato la costruzione del gasdotto di 60 km per fornire gas naturale dal gasdotto Viking nel Minnesota...