Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

domenica, Dicembre 6, 2020

REGOLE EUROPEE SULLA RETE DEL GAS: NESSUNA ECCEZIONE PER IL NORD STREAM 2

Must read

In funzione il tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, diramazione del Power of Siberia che arriverà fino a Shanghai

E’ stato immesso il ‘first gas’ nel tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, nuovo gasdotto in fase di costruzione che, alimentandosi dal Power of...

Enbridge Energy ottiene il via libera dallo stato del Minnesota per l’upgrade dell’oleodotto Line 3

Le competenti autorità dello stato americano del Minnesota, e in particolare la Minnesota Pollution Control Agency, nei giorni scorsi hanno dato il loro ‘via...

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

Dopo i ritardi causati dalle sanzioni americane, che hanno bloccato il contractor Allseas e costretto Gazprom ad organizzarsi con mezzi propri (la posatubi russa Akademik Cherski) per completare la posa della pipeline, nei giorni scorsi è arrivata un’altra doccia fredda per il progetto Nord Stream 2, il nuovo gasdotto che raddoppierà la capacità russa di consegnare gas naturale alla Germania e a tutta l’Europa Centrale.

Secondo quanto riportato dall’agenzia Reuters, infatti, il Bundesnetzagentur – l’autorità tedesca di regolazione dei gasdotti – ha negato al consorzio promotore del Nord Stream 2, di cui oltre a Gazprom fanno parte anche Uniper, Wintershall-Dea, Shell, OMW e Engie, la possibilità di derogare alla normativa europea in tema di reti del gas naturale, che prevede una netta separazione societaria tra i produttori, gli operatori del trasporto e quelli della distribuzione finale del combustibile.

Deroga che sarebbe stata negata perché l’opera non è stata completata entro il maggio 2019, ma lo sarà solo nel 2021.

Secondo la Reuters questa decisione non impatta sulla costruzione dell’infrastruttura, a cui manca ormai solo l’ultimo tratto, ma piuttosto pone problematiche complesse in tema di futura gestione operativa della condotta.

Ora il consorzio Nord Stream 2 ha un mese di tempo per valutare questo pronunciamento delle autorità tedesche ed eventualmente decidere se appellarsi chiedendone una revisione.

Latest article

In funzione il tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, diramazione del Power of Siberia che arriverà fino a Shanghai

E’ stato immesso il ‘first gas’ nel tratto centrale della Cina-Russia East pipeline, nuovo gasdotto in fase di costruzione che, alimentandosi dal Power of...

Enbridge Energy ottiene il via libera dallo stato del Minnesota per l’upgrade dell’oleodotto Line 3

Le competenti autorità dello stato americano del Minnesota, e in particolare la Minnesota Pollution Control Agency, nei giorni scorsi hanno dato il loro ‘via...

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...