• Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 4

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

giovedì, Febbraio 25, 2021

Bulgartransgaz entra col 20% nella greca Gastrade, che sta sviluppando l’Alexandroupolis LNG Terminal

Must read

Tesmec: il calo del 2020 (causa Covid) rispetta le attese, portafoglio ordini in crescita

Il gruppo italiano Tesmec leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di...

La Germania sta già studiando il ‘phase out’ del gas naturale dal settore del riscaldamento

La Germania dovrà prepararsi a dire addio al gas naturale per il riscaldamento molto presto, già entro pochi anni. Ne è convinto il Ministro tedesco...

Snam alla ricerca di una FSRU da installare al largo della Sardegna

Snam avrebbe avviato una ricerca di mercato, propedeutica all’avvio di una procedura di gara vera e propria prevista per il mese prossimo, per la...

A gennaio il 20% del gas arrivato in Italia col TAP è stato ri-esportato verso altri mercati

Da inizio anno il nuovo gasdotto TAP (Trans Adriatic Pipeline) è entrato in attività, consentendo all’Italia di importare gas dall’Azerbaijan ma rendendo anche il...

Bulgartransgaz, l’operatore del network nazionale di gasdotti della Bulgaria, ha formalizzato il suo ingresso, con il 20%, nel capitale di Gastrade, la società greca che sta sviluppando il progetto del terminal GNL di Alexandroupolis.

L’impegno della compagnia bulgara in questa iniziativa era già stato annunciato lo scorso agosto, con la firma di un accordo preliminare tra il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis e il suo omologo bulgaro Boyko Borisov, ma ora la partecipazione è stata formalizzata con il passaggio di proprietà della quota azionaria.

Il progetto, che prevede l’entrata in funzione di una unità FPSO offshore ormeggiata al largo del porto greco di Alexandroupolis a partire dal 2023, costituirà – spiega Gastrade in una nota – un passaggio strategico fondamentale per la Grecia e la Bulgaria e per la sicurezza energetica di tutta l’Europa sudorientale, consentendo una diversificazione delle fonti di approvvigionamento di gas naturale.

L’infrastruttura sarà strategicamente posizionata all’incrocio del Southern and Vertical Gas Corridor offrendo accesso al GNL ai mercati di Grecia, Bulgaria, Serbia, Romania, Macedonia Settentrionale, e indirettamente anche Moldova e Ucraina.

Il terminal sarà anche pienamente integrato con il gasdotto Greece – Bulgaria Interconnector (IGB), operando in armonia con le altre infrastrutture energetiche della regione come il TAP e il Bulgaria – Serbia Interconnector.

La FSRU che verrà installata davanti alle coste greche (17,6 Km al largo di Alexandroupolis) avrà una capacità di stoccaggio 170.000 metri cubi di GNL e sarà in grado di rigassificare 5,5 miliardi di metri cubi di metano all’anno, che affluiranno nella rete nazionale greca attraverso un nuovo sistema di pipeline dedicate lungo 28 Km.

Latest article

Tesmec: il calo del 2020 (causa Covid) rispetta le attese, portafoglio ordini in crescita

Il gruppo italiano Tesmec leader nel mercato delle tecnologie dedicate alle infrastrutture (reti aeree interrate e ferroviarie) per il trasporto di energia elettrica, di...

La Germania sta già studiando il ‘phase out’ del gas naturale dal settore del riscaldamento

La Germania dovrà prepararsi a dire addio al gas naturale per il riscaldamento molto presto, già entro pochi anni. Ne è convinto il Ministro tedesco...

Snam alla ricerca di una FSRU da installare al largo della Sardegna

Snam avrebbe avviato una ricerca di mercato, propedeutica all’avvio di una procedura di gara vera e propria prevista per il mese prossimo, per la...

A gennaio il 20% del gas arrivato in Italia col TAP è stato ri-esportato verso altri mercati

Da inizio anno il nuovo gasdotto TAP (Trans Adriatic Pipeline) è entrato in attività, consentendo all’Italia di importare gas dall’Azerbaijan ma rendendo anche il...

Italgas mette in esercizio altri 130 Km di rete in Sardegna

Italgas ha annunciato ieri l’avvio dei lavori di messa in esercizio di altri 130 chilometri circa di reti del gas ‘native digitali’ al servizio...