Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

domenica, Novembre 29, 2020

COMPLETATA LA POSA DELLA DIRAMAZIONE DEL TURKSTREAM IN SERBIA

Must read

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...

LA RETE DI ITALGAS SARÀ COMPLETAMENTE DIGITALIZZATA ENTRO IL 2022

Entro il 2022 la rete di condotte gestita da Italgas sarà completamente digitalizzata, e quindi pronta per ricevere e gestire qualsiasi tipo di gas. Lo ha dichiarato...

Sono già stati posati tutti gli oltre 400 km di condotte che costituiranno la ‘derivazione’ in Serbia del Turkstream, il nuovo gasdotto operativo dallo scorso 1 gennaio che trasporta in Turchia il gas naturale di origine russa.

Lo ha dichiarato, in una nota, il ministro dell’energia del paese balcanico Aleksandar Antic, che ha aggiunto come “i lavori continueranno nel corso del 2020 per la costruzione delle infrastrutture di supporto, comprese le stazioni di compressione”.

“Sono convinto che questo progetto, che stiamo implementando rapidamente insieme ai nostri partner, dimostri il nostro impegno strategico nel diversificare le fonti di approvvigionamento del gas: vogliamo sicurezza e stabilità non solo per la Serbia, ma per l’intera regione” ha aggiunto Antic.

La nuova pipeline, lunga precisamente 403 Km, servirà per trasportate il gas russo, in arrivo attraverso il Turkstream, dal confine tra Bulgaria e Serbia fino a quello tra Serbia e Ungheria, costituendo di fatto un percorso alternativo a quello ‘classico’, che passa attraverso l’Ucraina.

Al momento, infatti, la Serbia si rifornisce di gas russo dall’Ungheria, che a sua volta lo riceve tramite i gasdotti controllati da Kiev. Ma, dal dicembre 2020, quando saranno completate anche le infrastrutture accessorie citate dal ministro del Governo di Belgrado, la Serbia potrà iniziare a ricevere gas russo tramite la rotta meridionale, ovvero il Turkstream e le sue propagazioni terrestri.

Gazie alla nuova connessione, il metano russo proveniente dalla Turchia potrà raggiungere anche l’Ungheria, mettendo a disposizione di Budapest una via alternativa a quella ucraina.

Proprio in questo periodo, poi, anche la Bulgaria è impegnata nella realizzazione della sua diramazione del Turkstream: i lavori della condotta, lunga 474 km, sono iniziati in ritardo, a causa di un ricorso, lo scorso settembre.

Ma la derivazione del Turkstream non è l’unico nuovo metanodotto in fase di realizzazione in Serbia: nel paese fervono infatti i preparativi per l’avvio dei lavori di costruzione di un’altra condotta di connessione tra Serbia e Bulgaria: l’Interconnector Bulgaria-Serbia (IBS), pipeline che passerà più a sud rispetto alla prosecuzione della rotta turca, e che avrà una portata di gas pari a 1-1,8 bcm all’anno in direzione dalla Bulgria alla Serbia, e di circa 0,15 bcm in senso inverso.

Questo progetto è considerato di ‘interesse comune’ dalla Commissione Europea, che infatti lo ha cofinanziato con 49,6 milioni di euro. Il motivo è semplice, e chiaro: l’IBS consentirà alla Serbia di allacciarsi, a partire dal 2022 quando la nuova infrastrutture sarà completata, al Southern Gas Corridor e di potersi così approvvigionare di gas proveniente dall’Azerbaijan, che passerà attraverso il gasdotto TANAP, percorrerà una parte del TAP fino in Grecia per poi deviare sull’interconnessione Grecia-Bulgaria, e quindi giungere fino nel Paese balcanico proprio grazie all’IBS. Una fonte alternativa a quella russa che ridurrà la dipendenza energetica della regione balcanica da Mosca: uno dei principali obbiettivi di Bruxelles in ambito energetico.

Latest article

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...

LA RETE DI ITALGAS SARÀ COMPLETAMENTE DIGITALIZZATA ENTRO IL 2022

Entro il 2022 la rete di condotte gestita da Italgas sarà completamente digitalizzata, e quindi pronta per ricevere e gestire qualsiasi tipo di gas. Lo ha dichiarato...

COMPLETATO IL GASDOTTO CALLAHAN NEL NORD-EST DELLA FLORIDA

La società formata da Chesapeake Utilities e TECO Peoples Gas ha completato la costruzione del gasdotto Callahan, infrastruttura lunga 44 chilometri finalizzata ad ampliare il servizio...