Annuncio creato il 26/11/2020 16:09 - Pipeline News -  -

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2

  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 2
  • [titolo] - [nome_sito] -  - [categorie] 1

giovedì, Dicembre 3, 2020

GASDOTTO OPAL: LA GERMANIA RICORRE ALLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL’UNIONE EUROPEA

Must read

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

La Germania si è rivolta alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea – uno dei due organi giudiziari dell’Unione Europea, insieme al Tribunale dell’Unione Europea che agisce come giudice di primo grado – per chiedere la cancellazione delle limitazioni imposte a Gazprom nell’utilizzo di questa condotta, una delle due (l’altra è la NEL pipeline) che collegano il gasdotto Nord Stream con la rete terrestre di distribuzione del gas in Germania e Repubblica Ceca.

La diatriba, che vede contrapposte Germania e Polonia, va avanti da anni, coinvolgendo direttamente anche Bruxelles: nel 2013 la Commissione Europea aveva imposto a Gazprom di utilizzare solo il 40% della capacità della condotta, per consentire l’accesso ad altri operatori e quindi favorire la concorrenza nel mercato del gas naturale continentale. Una decisione su cui, però, la stessa UE aveva deciso di tornare nel 2016, ritenendo di elevare notevolmente questi limiti (fino all’80%), la cui prima formulazione più restrittiva è stata giudicata ad un secondo esame non in linea con la politica liberalizzatrice portata vanti della stessa Unione Europea.

Sviluppo che aveva però scontentato il Governo polacco, il cui timore era quello che un maggior utilizzo da parte di Gazprom del gasdotto OPAL avrebbe ridotto l’impiego delle pipeline situate in Europa orientale, le stesse tramite cui la Polonia si approvvigiona di gas russo (sidentica ragione per cui la Polonia si è sempre opposta strenuamente alla costruzione del Nord Stream 2). Motivo per cui Varsavia si era rivolta con un’istanza formale al Tribunale dell’Unione Europea, che lo scorso settembre con una sentenza ha reintrodotto le limitazioni all’utilizzo della capacità del gasdotto OPAL da parte di Gazprom.

Decisione contro cui, nelle scorse settimane, il Governo tedesco – come rivelato dallo stesso tribunale comunitario sul suo profilo Twitter ufficiale – si è appellato alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea, Istanza che però, come avrebbe confermato l’esecutivo di Bonn alla stampa connazionale, non ha avuto un effetto sospensivo e quindi al momento non rende possibile a Gazprom l’utilizzo di più del 40% della capacità del gasdotto OPAL.

Latest article

Gallo (Italgas): “L’infrastruttura europea sarà fondamentale per gestire i futuri gas rinnovabili, prima biometano e poi idrogeno”

La rete europea del gas sarà uno strumento fondamentale per poter gestire i gas rinnovabili, come biometano e idrogeno, contribuendo in tal modo alla...

Nord Stream 2: a dicembre Gazprom riprenderà i lavori di posa in acque tedesche

Nord Stream 2 AG, la società controllata da Gazprom che sta realizzando il nuovo gasdotto Nord Stream 2, dovrebbe ricominciare le attività di posa...

CRESCONO GLI INVESTIMENTI DI SNAM, CHE PRESENTA IL NUOVO PIANO 2020-2024

Crescono di quasi un miliardo di euro gli investimenti programmati da Snam per i prossimi anni, come stabilito nel nuovo piano 2020-2024 presentato oggi dal gruppo...

E’ SCOMPARSO IL PROF. GIOVANNI SOLARI, PRESIDENTE DELL’ISTITUTO ITALIANO DELLA SALDATURA (ISS)

Riportiamo quanto tristemente comunicato da IIS – Istituto Italiano della Saldatura: “Oggi è un giorno molto triste per tutte le donne e gli uomini dell’Istituto Italiano della...

CRESCE IL VOLUME DI GAS RUSSO ESPORTATO IN CINA ATTRAVERSO IL GASDOTTO POWER OF SIBERIA

In ragione della necessità di Pechino di sostituire il carbone, sempre meno utilizzato per ragioni ambientali, con il meno inquinante gas naturale, sta diventando sempre più...